Superbike, Tito Rabat correrà con il team Barni Ducati nel Mondiale 2021

Dopo essere stato, sostanzialmente, messo alla porta dal team Ducati Reale Avintia, Tito Rabat si è prontamente accasato in Superbike. Dal prossimo anno, infatti, il pilota spagnolo sarà protagonista nella categoria dedicata alle moto derivate di serie con il team Barni, squadra satellite di Ducati. Il pilota catalano correrà per il momento per una sola stagione con questo marchio, secondo quanto rivelato da Motorsport.com.

Una decisione inevitabile per lo spagnolo, che non aveva più spiragli aperti per una moto nella classe regina. Saluta la MotoGP dopo 5 stagioni, due con la Honda del team Marc VDS e gli ultimi tre con la Ducati del team Avintia. A questo punto Esteve detto “Tito”, sostituirà Marco Melandri nel team Barni, dopo che il romagnolo non ha concluso la stagione 2020 prima di essere sostituito nelle ultime gare da Samuele Cavalieri.

La line-up della Ducati in vista del Mondiale SBK 2021, a questo punto, vede Scott Redding e Michael Ruben Rinaldi nel team ufficiale, quindi Chaz Davies sarà nella squadra satellite Go Eleven e Tito Rabat completerà la formazione nel team Barni, diventando inoltre il terzo spagnolo nella categoria, insieme ad Alvaro Bautista (Honda) e Isaac Vinales (Orelac).

Foto: Origo Valerio

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.

TAG:
Mondiale Superbike 2021 Tito Rabat

ultimo aggiornamento: 22-12-2020


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Pallamano, Qualificazioni Europei 2022: si giocherà a Chieti la sfida tra Italia e Lettonia

Sci alpino, Nicole Schmidhofer rischia di doversi sottoporre a più di una operazione