Pietro Fittipaldi si prepara ad un ritorno in IndyCar

Il brasiliano Pietro Fittipaldi si appresta ad un ritorno in IndyCar dopo aver debuttato le ultime due prove del Mondiale di F1 2020. Il nipote dell’ex campione del mondo Emerson ha corso con Haas il Gran Premio di Sahkir e la successiva competizione di Abu Dhabi al posto del francese Romain Grosjean, infortunato dopo il terribile incidente avvenuto nel primo giro del GP del Bahrain.

Ai microfoni del sito americano ‘RACER’, il 24enne nativo di Miami ha affermato in merito alla breve esperienza in F1: “Erano passati nove mesi da quando avevo guidato un’auto da corsa. Erano 12 mesi che non salivo su una monoposto di Formula 1. Volevo assicurarmi di essere pronto con tutte le procedure in Bahrain”, Ci sono delle piccole cose a cui non ero abituato, quindi non potevo davvero sentirmi a mio agio. Ad Abu Dhabi è stato tutto diverso. Gareggiare in F1 con Haas è stata un’enorme opportunità”.

Stando alle ultime indiscrezioni, il futuro di Pietro sembra essere destinato all’IndyCar Series con il Dale Coyne Racing. Per il giovane sudamericano si tratterebbe di un ritorno visto che, con la medesima formazione, ha disputato sei prove nel 2018 prima di una breve parentesi nel DTM con un Audi del Team WRT

Fittipaldi ha dichiarato in merito ad un possibile rientro nella famosa serie americana a ruote scoperte: “Amo lo stile di  quelle corse. Ci sono persone fantastiche. Ho vissuto negli Stati Uniti per tutta la mia vita ed entrambi i miei zii hanno gareggiato lì. Tornare in IndyCar, sarebbe un sogno. Mi sono adattato molto bene alla macchina nelle mie poche uscite nel 2018″.

Il giovane brasiliano ha chiuso il proprio intervento auspicando di poter correre in Indy senza ‘limiti’. Ricordiamo infatti che, nella breve parentesi nella serie americana, il giovane brasiliano dovette lottare con delle limitazioni fisiche. Dopo un esordio in occasione della prova di Phoenix nel mese di aprile, Fittipaldi tornò negli USA a pochi mesi di distanza da un terribile incidente nel FIA World Endurance Championship. Ricordiamo infatti che, durante le qualifiche della 6h di Spa-Francorchamps 2018 (maggio), Fittipaldi finì violentemente contro le barriere all’Eau Rouge dopo un cedimento strutturale sulla sua Dallara LMP1 del Team DragonSpeed.

Dopo la rottura della gamba sinistra ed un recupero di alcuni mesi, Pietro tornò in estate a Lexington (Ohio) in IndyCar. L’alfiere di casa Haas ha chiuso con un commento in merito: “Non potevo mostrare quello che potevo fare. Sono rientrato con la gamba sinistra rotta. Ero costretto a frenare al 50%, ero completamente fuori ritmo. Ho sempre voluto tornare e mettermi alla prova di nuovo in IndyCar. Stiamo parlando con delle squadre per correre il prossimo anno. Non è ancora stato fatto nulla, ma ci stiamo lavorando”.

Foto: LaPresse

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

WRC, nuove regole per il 2021. I punti della Power Stage varranno anche per la classifica costruttori

F1, Jacques Villeneuve: “Il 2020 è stato un’agonia per Sebastian Vettel”