Ginnastica artistica, Europei 2020: la Romania vince tra le squadre juniores. Ana Barbosu succede a Giorgia Villa

A Mersin (Turchia) proseguono gli Europei 2020 di ginnastica artistica femminile. Ribadiamo che si tratta di una competizione di Serie C vista l’assenza di tutte le Nazioni di riferimento: Italia, Russia, Francia, Gran Bretagna, Germania, Olanda, Belgio, Svizzera, Spagna non si sono presentate in terra anatolica a causa dell’emergenza sanitaria e sono rimaste a casa per salvaguardare la salute dei propri atleti. Sostanzialmente soltanto Romania, Ucraina, Ungheria, Turchia e qualche piccolo Paese di terza fascia hanno risposto alla chiamata.

Oggi sono andate in scena le qualifiche delle juniores (under 16), ma va segnalato che il turno preliminare è servito anche per l’assegnazione delle medaglie a squadre e del concorso generale individuale. La Romania si è imposta con 156.463 punti, infliggendo un distacco abissale all’Ucraina (145.995) e all’Ungheria (143.428). La rumena Ana Barbosu ha invece trionfato nell’all-around con l’interessante punteggio di 54.599: 14.400 al volteggio, 13.433 alle parallele asimmetriche, 13.033 alla trave, 13.733 al corpo libero. Nettamente staccate le sue connazionali Maria Ceplinschi (50.499) e Iulia Trestianu (49.866) oltre all’ucraina Denisa Batrona (49.832). Ana Barbosu succede nell’albo d’oro alla nostra Giorgia Villa, ma gli Europei di due anni fa erano al gran completo e la bergamasca demolì le rivali di tutto il Continente.

La 14enne rumena è in testa in tutte le classifiche per attrezzo e parte favorita per il trionfo in tutte le Finali di Specialità, in programma domenica mattina. Al volteggio è inseguita dall’ucraina Daria Lyska (13.866) e dalla Ceplinschi (13.333); sugli staggi sono lontane le croate Sara Sulekic (12.400) e Nika Kukuljan Frleta (12.133); sui 10 cm ha provato a tenere il passo la connazionale Andreea Preda (12.866), più lontana la turca Sevgi Kayisoglu (12.266); al quadrato sono molto più attardate Ceplinschi (13.166) e l’ungherese Greta Mayer. Ana Barbosu è una classe 2006 proprio come la nostra Angela Andreoli: onestamente la bresciana appare due gradini sopra.

© foto di Simone Ferraro / FGI

Leggi tutte le notizie di oggi su OA Sport

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Skeleton, Valentina Margaglio illude ma chiude sesta a Igls, dove arriva l’ennesima vittoria di Janine Flock

Sci alpino, Manfred Moelgg secondo nello slalom di Coppa Europa della Val di Fassa vinto da Theo Letitre