Seguici su

Formula 1

F1, Charles Leclerc penalizzato: 3 posizioni in griglia per Abu Dhabi e 2 punti sulla patente dopo l’incidente a Sakhir

Pubblicato

il

Si sarebbe aspettato ben altro il monegasco Charles Leclerc nel GP di Sakhir, penultimo round del Mondiale 2020 di F1. Il pilota della Ferrari ieri aveva emozionato tutti: un giro ai limiti della perfezione e una quarta piazza insperata su di un tracciato non favorevole alla SF1000.

In gara, purtroppo per lui e per la Rossa, tutto quello che di buono era stato costruito è stato distrutto in pochissimo tempo. La partenza al via non era stata brillante e nel tentativo di recuperare la posizione persa è arrivata una forzatura in curva-4. La conclusione è stata una frenata a ruote bloccate, il contatto con la Racing Point del messicano Sergio Perez e il coinvolgimento della Red Bull dell’olandese Max Verstappen.

Per Charles e Max sono arrivati due ritiri, mentre per Perez una vittoria incredibile, frutto di una corsa dall’epilogo davvero imprevedibile. Per quanto riguarda il ragazzo del Principato, le brutte notizie non sono finite qui. Come riferito da Sky Sport, il ferrarista ha subito una penalità: 3 posizioni in griglia per il prossimo GP di Abu Dhabi e 2 punti sulla patente. Ciò significa che per Charles l’ultimo atto sarà decisamente in salita.

[sc name=”banner-article”]

giandomenico.tiseo@oasport.it

LA NOSTRA STORIA 

OA Sport nacque l’11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L’attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell’arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all’Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.

Clicca qui per seguire OA Sport su Instagram
Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Foto: LaPresse

Clicca per commentare

Tu cosa ne pensi?

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *