Basket: Virtus Roma, dove andranno i giocatori. Jamil Wilson in Israele, Baldasso incerto, sirene veneziane per Campogrande

Con il ritiro della Virtus Roma, e l’automatico svincolarsi di tutti i giocatori legati alla compagine capitolina in questa stagione di Serie A, si iniziano i sondaggi (e non solo) sulle possibilità di ciascuno di loro di avere qualsivoglia tipo di nuova destinazione.

Il primo ad essersi accasato, nella giornata di ieri, è stato Jamil Wilson: l’ala ex Torino ha già firmato per l’Hapoel Gerusalemme, uno dei club storici di Israele. Per quanto riguarda gli altri non ci sono ancora accordi ufficiali: Anthony Beane era stato accostato a Reggio Emilia, ma al momento dopo il taglio di Janis Blums non sono previsti ingressi.

Dario Hunt, centro in rotta già da fasi precedenti con la Virtus per le questioni legate al primo stipendio, è osservato speciale da Cantù, mentre nelle settimane precedenti si era parlato di un interessamento dei francesi del JL Bourg-en-Bresse. Non è ancora chiaro il destino di Gerald Robinson, mentre per Chris Evans, che si è rotto il tendine d’Achille, il discorso è da considerarsi rinviato a tempi migliori.

Per quanto riguarda invece gli italiani e possessori di doppio passaporto, sono sostanzialmente due ad oggi gli oggetti pregiati: Tommaso Baldasso e Luca Campogrande. Il play, fresco di convocazione in Nazionale, cinque anni nella Capitale e capitano nelle ultime nove partite giocate sotto la guida di Piero Bucchi, in estate era stato cercato da Pesaro, mentre più di recente la Fortitudo Bologna si era interessata al suo nome; riporta però Il Tempo che anche l’estero non è un’opzione da scartare per lui.

La guardia, tornata a Roma dopo un giro infinito, si sta allenando con la Reyer Venezia, che per questo scopo l’ha aggregato, e non è inverosimile pensare a un ingaggio (troverebbe un altro ex Roma, Lorenzo D’Ercole). Non si conoscono dettagli circa il destino di Riccardo Cervi, ai box per qualche settimana per infortunio, di Damir Hadzic e di Ygor Biordi.

Credit: Ciamillo

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Sci di fondo: Brennan-Caldwell, doppietta USA qualificazioni della sprint di Davos. Greta Laurent sesta, avanti Scardoni e Brocard

F1, risultati FP3 GP Abu Dhabi 2020: Max Verstappen mette paura alle Mercedes. Ferrari insegue la Top10