Volley femminile, le migliori italiane di Serie A1 del fine settimana: Mingardi trascinatrice, Perinelli straripante

Nel fine settimana appena trascorso si sono giocate tre recuperi dell’ottava giornata del campionato di Serie A1 di volley femminile.  Andiamo a vedere quali sono state le migliori italiane di questo turno di campionato.

LE MIGLIORI ITALIANI SERIE A1 DEL FINE SETTIMANA

Camilla Mingardi: Nel trionfo al tie-break di Busto Arsizio sul parquet di Perugia c’è molto della 23enne bresciana. La schiacciatrice azzurra ha collezionato ben 26 punti che sono soltanto il dato più appariscente di una partita della quale è stata assoluta protagonista. Asia Bonelli si è affidata a lei in tutti i momenti chiave del match e alla fine ha avuto ragione.

Veronica Angeloni: Nonostante la sconfitta è riuscita a mettere a referto 18 punti. Una partita di grande spessore non solo a livello tecnico ma anche dal punto di vista caratteriale. Capitana e trascinatrice la 34enne nativa di Massa ha messo in campo tutto il meglio del proprio repertorio.

Beatrice Berti: L’opposto di Brescia quando è stata in campo è riuscita ad esprimersi al meglio mettendo in luce le tutte le sue qualità tecniche e atletiche. Con i suoi 18 punti, e un ottimo 53% in attacco, ha cercato di tenere a galla la squadra lombarda che ha ceduto il passo a Cuneo al tie-break.

Elena Perinelli: 15 punti e uno sfavillante 56% in attacco sono i numeri che testimoniano la grande partita della schiacciatrice di Chieri nella vittoria contro Trento. La 25enne nativa di Varese ha messo a referto 1/5 dei punti totali della sua squadra, chiaro sintomo dell’importanza che ricopre in fase offensiva.

Alessia Mazzarro: La giovane schiacciatrice italiana merita una menzione in questa nostra particolare graduatoria. La 22enne è stata protagonista nel match tra la sua Chieri e Trento nel quale ha messo a segno 12 punti con il 75% in attacco. Una percentuale incredibile che testimonia le grandi qualità di questa 22enne.

salvatore.serio@oasport.it

LA NOSTRA STORIA 

OA Sport nacque l’11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L’attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell’arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all’Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.

Clicca qui per seguire OA Sport su Instagram
Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Foto: LM-LPS/Danilo Vigo

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Mike Tyson disputerá altri match in giro per il mondo? C’è giá l’ipotesi di Roma e del Colosseo!

F1, Toto Wolff: “Ci saremmo ritirati dalla gara se Grosjean avesse avuto conseguenze più serie”