Sci alpino, parallelo Lech: la Svezia femminile rientra in gara, ma solo con Sara Hector. Quattro i maschi

Si riparte, anche in casa Svezia. Dopo la dolorosa esclusione dell’intera squadra femminile dagli slalom di Levi è tempo di pensare a Lech/Zürs e al parallelo di giovedì pure in Scandinavia.

Il clamore è stato grande per l’esclusione delle 8 ragazze risultate tutte negative al test, lasciate senza la possibilità di misurarsi con le avversarie “solo” perché il loro capo allenatore, Christian Thoma, aveva contratto Coronavirus. Molti altri atleti hanno criticato pesantemente la decisione, tra questi Brignone e Pinturault. Era dunque attesa con impazienza la convocazione della Federazione per la prossima gara ed eccola arrivata: tra le ragazze ci sarà solamente Sara Hector, mentre i ragazzi saranno quattro: Mattias Rönngren, Kristoffer Jakobsen, Tobias Hedström e William Hansson.

Tuttavia, come ha detto al portale skinews.ch l’allenatore svedese Christian Thoma, in realtà altoatesino, era già previsto che fosse la sola  gara Hector a gareggiare in parallelo e che tutte le altre ragazze tornassero agli allenamenti per concentrarsi al meglio sulle prossime gare. Hector vanta una vittoria in Coppa del Mondo, 6 anni fa, in gigante, unica svedese ancora in gara nel circuito a essere riuscita. Nel gigante parallelo del Sestriere dello scorso gennaio si piazzò invece 12esima.

LA NOSTRA STORIA 

OA Sport nacque l’11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L’attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell’arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all’Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.

CLICCA QUI PER TUTTE LE NEWS DI SCI ALPINO

Twitter: @gianmilan76

Mail: gianmario.bonzi@gmail.com

Foto: Origo Valerio

Clicca qui per seguire OA Sport su Instagram
Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

 

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Slittino, riparte l’assalto alla Coppa del Mondo di Dominik Fischnaller

Ginnastica ritmica, l’Italia non parteciperà agli Europei 2020. Un anno senza confronti internazionali per le azzurre