Scherma, concluso il ritiro della nazionale italiana di sciabola. Sirovich: “La pedana ci ha dato ottimi responsi”

Si è da poco concluso il ritiro collegiale della nazionale azzurra di sciabola maschile. Sono stati giorni di intenso lavoro per gli schermidori italiani che, dopo una lunga sosta a causa dell’emergenza sanitaria, si sono ritrovati per tessere nuovamente le fila verso l’inizio di una stagione molto impegnativa e importante.

Sulle pedane del Centro di Preparazione Olimpica CONI dell’Acqua Acetosa a Roma, sono stati ventuno gli sciabolatori che, sotto la guida del Commissario tecnico Giovanni Sirovich, hanno dato vita ad una simulazione di una gara, sia individuale che a squadre. Il commissario tecnico azzurro si è detto molto soddisfatto di quanto hanno mostrato i suoi ragazzi in questo ritiro.

Abbiamo voluto concludere con degli assalti che hanno riproposto lo schema di una gara: dai gironi sino al tabellone ad eliminazione diretta. E’ stato un modo per far riassaporare l’esperienza della competizione ad atleti che, da otto mesi, stanno mantenendo alto il loro tono muscolare ed anche la preparazione tecnica ma a cui, inevitabilmente, manca il confronto in pedana. Abbiamo l’opportunità di poter contare su un gruppo di ragazzi dall’alto tasso tecnico e ciò permette di avere delle sfide che possono tranquillamente rappresentare una sorta di campionato italiano“.

L’Italia ha una grandissima tradizione nella scherma e, secondo Sirovich, sono molti gli azzurri che stanno crescendo nella maniera giusta: “Abbiamo avuto ulteriore conferma di poter contare su un gruppo di giovani leve caparbie, volenterose ed animati dalle giuste motivazioni. Questi assalti, sia individuali che a squadre, ci hanno fornito un ulteriore riprova ed il fatto che alcuni degli under20 abbiano vinto assalti anche con atleti più esperti, è un segnale positivo che cogliamo con soddisfazione”.

salvatore.serio@oasport.it

LA NOSTRA STORIA 

OA Sport nacque l’11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L’attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell’arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all’Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.

Clicca qui per seguire OA Sport su Instagram
Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Foto: Bizzi Federscherma

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.

TAG:
giovanni sirovich Sciabola maschile

ultimo aggiornamento: 14-11-2020


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

ATP Sofia 2020: Jannik Sinner a caccia del primo titolo ATP. L’ultimo ostacolo è Vasek Pospisil

MotoGP, Joan Mir: “Con la Honda si aspettano che tu vinca, con la Suzuki no. Anche gli altri sono sotto pressione”