MotoGP, Andrea Dovizioso: “La scelta della gomma sarà molto importante in gara. Non parto davanti, ma neanche troppo indietro”

Grande delusione in casa Ducati al termine della giornata odierna per Andrea Dovizioso, incapace di sfruttare nel migliore dei modi una qualifica bagnata che poteva permettergli di ottenere una posizione di partenza ideale in vista della gara di domani. Il forlivese della Ducati Factory ha chiuso 12° le prove ufficiali del Gran Premio d’Europa 2020, dodicesima e terzultima tappa stagionale del Mondiale MotoGP. Il vice-campione iridato in carica ha sicuramente deluso le aspettative, piazzandosi in ultima posizione nel Q2 anche alle spalle di un Fabio Quartararo in grandissima difficoltà sul bagnato, perciò domani dovrà superarsi in gara per provare a restare in corsa per il titolo.

Ci saranno situazioni anomale e particolari per tutti. Mi aspetto che le due Suzuki purtroppo saranno davanti e non avranno problemi dato che sono in prima e seconda filaè il commento di Dovizioso al termine dell’attività in pista odierna (fonte: Corsedimoto.com) – Morbidelli, Quartararo e Vinales invece sono nella stessa situazione, ovvero non troppo comodi. La scelta della gomma sarà molto importante, così come vedere chi avrà un bel ritmo nel warm-up. Il consumo degli pneumatici a Valencia è importante; si sta per tanto tempo a sinistra e se si guida male c’è più usura. La gara è tutta da fare, non parto davanti ma neanche troppo indietro per come siamo abituati quest’anno.

Ci saranno Quartararo e Morbidelli vicino a me, partire bene sarebbe importante prosegue il 34enne romagnolo –  Fortunatamente i rivali non sono troppo a posto per domani, ma anche noi non lo siamo. Non importa quanto sia brutta la situazione degli altri se a noi manca il feeling. Bisogna lavorare sulla velocità, non sulla strategia. Spero di avere una temperatura simile a quella della gara nel warm up per poter provare qualcosa. La pista oggi non era proprio bagnata, era più un mezzo e mezzo e usare il potenziale in questa situazione è difficile per tutti quanti“.

erik.nicolaysen@oasport.it

Clicca qui per seguire OA Sport su Instagram
Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Foto: Hazrin CRIC / Shutterstock.com

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Masters 1000 Parigi-Bercy 2020: Rafael Nadal viene sconfitto in due set da Alexander Zverev

Ginnastica artistica, Campionati Italiani 2020: tutte le qualificate alle Finali di Specialità. Nuova sfida tra le Fate