Masters 1000 Parigi-Bercy 2020: Rafa Nadal va ai quarti di finale, sbrigata la pratica Jordan Thompson

Quindicesimo quarto di finale consecutivo per Rafa Nadal in un Masters 1000. Lo spagnolo continua a fare strada nell’ATP Parigi-Bercy 2020, penultimo torneo prima delle ATP Finals, superando l’australiano Jordan Thompson per 6-1 7-6 (2) in un match condotto ottimamente dall’alto della sua esperienza. Nel terzultimo atto del torneo sarà una sfida tutta iberica contro Pablo Carreno Busta, che ha superato Norbert Gombos in due set.

Rafa mostra subito i muscoli: lo spagnolo non ci mette molto a capire come far male a Thompson. Per l’esattezza, al re del Roland Garros bastano solo tre game di studio per avere alla sua mercé l’australiano, costretto a correre come un maratoneta per star dietro agli scambi sempre controllati dal maiorchino. Non è che non voglia ribellarsi, è che non ci riesce: arriva ai vantaggi nel settimo gioco, trainato dagli errori al servizio di Nadal, che torna concentrato e porta a casa il set sul 6-1, con un parziale in quattro giochi di 21 punti a 6.

Nel secondo set però qualcosa cambia. Forse punto nel vivo, Jordan Thompson trova finalmente più concretezza al servizio. Non che fosse difficile fare meglio della prima frazione, con soli otto punti vinti su diciannove complessivi in battuta, ma il 26enne di Sydney riesce finalmente a farsi rispettare, allungando gli scambi e fiaccando Nadal. Dall’altra parte il servizio del maiorchino rimane inattaccabile fino al dodicesimo gioco, quando concede una palla set al suo avversario, annullata repentinamente. L’australiano in quel momento si arrabbia e scaraventa la racchetta a terra, così come succede nel quarto punto del tiebreak, quando mette in rete una volèe in allungo sul passante di Nadal: è il punto decisivo, con lo spagnolo che, da campione navigato qual è, tira dritto e si porta a casa set e match sul 7-2.

CLICCA QUI PER TUTTE LE NOTIZIE DEL TENNIS

Clicca qui per seguire OA Sport su Instagram
Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Foto: Lapresse

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.

TAG:
ATP Parigy Bercy 2020 Jordan Thompson

ultimo aggiornamento: 05-11-2020


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Badminton, Portuguese International Championships 2020: Giovanni Toti ed Enrico Baroni al tabellone principale

MotoGP, la Yamaha a rischio sanzioni: irregolarità sui motori, possibili penalità