Seguici su

Formula 1

F1, presentazione GP Turchia 2020: profumo di 7° titolo iridato per Lewis Hamilton, ma la gara rischia di essere una lotteria

Pubblicato

il

Quest’oggi all’Istanbul Park andrà in scena il Gran Premio di Turchia, che fa il suo ritorno nel Mondiale di Formula Uno dopo nove anni d’assenza. La gara potrebbe essere decisiva nell’assegnazione del titolo, poiché Lewis Hamilton ha l’opportunità di conquistare matematicamente la settima corona iridata della carriera. Il trentacinquenne britannico chiuderà la partita con tre GP d’anticipo nel caso mantenga almeno 78 punti di vantaggio sul compagno di squadra Valtteri Bottas al termine della competizione odierna.

Al momento l’inglese vanta 85 lunghezze di margine sul finlandese, di conseguenza si può permettere di perdere 7 punti e di laurearsi comunque Campione. In tal senso, le premesse sono ottime perché Lewis partirà tre piazze davanti al nordico. Va però rimarcato come la Mercedes non si trovi in una posizione di forza come d’abitudine, poiché nelle qualifiche bagnate di ieri Hamilton ha realizzato il sesto tempo e Bottas il nono. Dunque, nell’ottica della vittoria di giornata, le Frecce Nere potrebbero per una volta pagare dazio.

https://www.oasport.it/2020/11/diretta-f1-gara-gp-turchia-2020-live-ferrari-charles-leclerc-vettel/

La pole position è stata inaspettatamente appannaggio della Racing Point di Lance Stroll, che partirà davanti alla Red Bull di Max Verstappen e all’altra Racing Point di Sergio Perez. Per quanto visto tra venerdì e sabato, il favorito per il successo può essere considerato proprio l’olandese, sempre velocissimo all’Istanbul Park, ma beffato dal canadese in qualifica grazie all’azzardo di montare pneumatici intermedi. In ogni caso, la situazione è quanto mai di difficile lettura, poiché le condizioni sono davvero inusuali.

Innanzitutto il tracciato garantisce pochissimo grip, sia perché è stato rifatto solo due settimane orsono, sia perché è stato utilizzato del comune asfalto che viene generalmente steso sulle autostrade. Come se non bastasse, la pioggia potrebbe fare la sua comparsa e sparigliare nuovamente le carte. Dunque non si può escludere una gara lotteria, qualunque sia il meteo del GP.

Voci di corridoio affermano che in casa Ferrari si sia puntato sul bel tempo, settando le monoposto in maniera tale che possano rendere al meglio sull’asciutto. Sebastian Vettel e Charles Leclerc, naufragati nelle qualifiche di ieri, scatteranno rispettivamente dall’undicesima e dalla dodicesima casella. Sia il tedesco che il monegasco hanno infatti guadagnato qualche posizione grazie alle penalizzazioni inflitte alle McLaren.

Entrambi sperano che non piova, poiché il rischio è quello di incappare nelle stesse problematiche riscontrate sabato, quando era impossibile mandare in temperatura gli pneumatici delle SF1000. La speranza è di ottenere il miglior risultato possibile, perché guardando al Mondiale costruttori, la Ferrari è distante 31 punti dalla quinta posizione, ma ha un vantaggio di “sole” 14 lunghezze sull’Alpha Tauri. Il Cavallino Rampante rischia, quindi, di non essere la miglior scuderia italiana di Formula Uno nella stagione 2020!

[sc name=”banner-article”]

CLICCA QUI PER TUTTE LE NOTIZIE DI FORMULA 1

paone_francesco[at]yahoo.it

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l’11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L’attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell’arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all’Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.

Clicca qui per seguire OA Sport su Instagram
Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Foto: La Presse

Clicca per commentare

Tu cosa ne pensi?

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *