Ciclocross, Coppa del Mondo 2020-2021: Lucinda Brand continua a vincere! La neerlandese si impone anche a Tabor

La neerlandese Lucinda Brand (Telenet Baloise Lions) conquista il suo terzo successo consecutivo, nonché il quarto nelle ultime cinque gare da lei disputate, imponendosi nella prima tappa di Coppa del Mondo 2020-2021 di ciclocross che si è svolta sul tracciato di Tabor, in Repubblica Ceca. Brand ha preceduto la campionessa del Mondo Ceylin del Carmen Alvarado (Alpecin Fenix), mentre Denise Betsema (Pauwels Sauzen-Bingoal) ha vinto la volata per il terzo posto davanti alla diciannovenne ungherese Blanka Kata Vas, unica non Orange a essersi piazzata tra le prime sei.

La migliore delle italiane è stata un’Alice Maria Arzuffi (777) che su un tracciato a lei caro, in una gara che è durata quasi un’ora, tantissimo per gli standard del ciclocross femminile, è emersa alla distanza e ha rimontato posizioni su posizioni fino a chiudere ottava. L’azzurra, peraltro, si è giocata il settimo posto con la belga Laura Verdonschot (Pauwels Sauzen-Bingoal). Brillano anche la ventunenne Francesca Baroni, la quale ha colto la quattordicesima piazza, e la diciannovenne Gaia Realini, che ha concluso a sua volta la gara in top-20.

Purtroppo, invece, Eva Lechner (Starcasino) è stata rallentata da una bruttissima caduta in partenza nella quale sono state coinvolte, con conseguenze più serie, tanto che, pur coscienti, sono state portate via in barella, l’azzurra Sara Casasola e la neerlandese campionessa del Mondo juniores in carica Shirin van Anrooij.

Brand, che ha conquistato il successo in solitaria, staccando tutte a metà gara, inclusa una del Carmen Alvarado che dopo una brutta caduta un paio di settimane fa sembra non essere al top ed è molto più pasticciona del solito dal punto di vista tecnico, ora guida anche la classifica generale. Il prossimo appuntamento, adesso, è tra tre settimane a Namur (Belgio).

luca.saugo@oasport.it

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l’11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L’attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell’arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all’Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.

Twitter: @LucaSaugo

Clicca qui per seguire OA Sport su Instagram
Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Foto: Shutterstock

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Pallamano, Serie A femminile 2020: la Jomi Salerno torna al successo contro Malo nel reupero

Mike Tyson: “Felice di non essere finito ko. Ho capito di che pasta sono fatto. La prossima volta…”