MotoGP, Fabio Quartararo: “Avevo problemi con la gomma anteriore e non potevo guidare la M1 come volevo”



Una giornata molto difficile per il francese della Yamaha Petronas Fabio Quartararo. L’alfiere di Iwata ha infatti perso la testa della classifica del Mondiale 2020 di MotoGP, visto il 18° posto finale sul tracciato di Aragon (Spagna), sede dell’ultimo round iridato. Il transalpino, dopo un buon avvio, ha dovuto fare i conti con un problema sulla gomma anteriore che, stando a quanto riferito, aveva un valore anomalo di pressione. Una criticità che non ha permesso a Fabio di guidare come si doveva, avendo notevoli difficoltà a tenere in pista la M1 e riuscendo a malapena a frenare.

Eravamo in linea per centrare un ottimo risultato, poi è capitato qualcosa. Dobbiamo capire le ragioni di questo problema. E’ stato molto strano, perché la scelta di gomme era quella corretta, ma dopo il terzo giro ho notato che la pressione dello pneumatico anteriore era più alta del normale. A 20 giri dal termine avevo notevoli problemi e non potevo girare come si doveva. Questa è la ragione principale per cui ho commesso tanti errori in frenata“, le parole di Quartararo riportate da Motorsport.com.

Loading...
Loading...

Il transalpino, però, non si fascia la testa prima di essersela rotta, visto che è comunque secondo in classifica a sei lunghezze dallo spagnolo della Suzuki Joan Mir: “La prossima gara sempre qui ad Aragon potrebbe essere difficile per noi, per cui il target sarà quello di fare più punti che possiamo, prima di andare a Valencia dove credo saremo veloci. In definitiva, il discorso è ancora aperto e la differenza di soli sei punti ci tiene perfettamente in corsa per vincere il campionato“, ha chiosa il francese.

CLICCA QUI PER LEGGERE TUTTE LE NOTIZIE SUL MOTOMONDIALE

giandomenico.tiseo@oasport.it

Twitter: @Giandomatrix

Clicca qui per seguire OA Sport su Instagram
Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Foto: Imanol Lavcor / Shutterstock.com

Loading...

Lascia un commento

scroll to top