‘La Fagianata’ di Riccardo Magrini: “Nibali dovrà stare attento alle imboscate. Domani Yates potrebbe recuperare terreno”

SAGAN E BALLERINI, LA VITTORIA È MALEDETTA

Sai, Davide Ballerini ha ancora tanto tempo, non ha difficoltà, prima o poi ci arriverà. Alla fine è giovane. Mentre Peter Sagan non ha tutto questo tempo. Però, rispetto al Tour de France, mi è sembrato decisamente migliorato. Lui e la Bora-Hansgrohe sono riusciti ad eliminare in una prima parte Elia Viviani, che poi è riuscito a piazzarsi dopo aver faticato per tornare davanti, e nel finale Fernando Gaviria. Arnaud Demare, in qualche maniera, deve ringraziare Sagan, anche perchè alla fine lo ha battuto con un colpo di reni, proprio per un micron. Comunque sia è stata una bella volata. Sicuramente Demare era più attrezzato come squadra. Sia Sagan che Ballerini si sono dovuti arrangiare. Ne è uscito un bello sprint con tanti italiani nei primi dieci. 

PETER STA ONORANDO IL SUO PRIMO GIRO D’ITALIA

Il secondo posto di Sagan fa più notizia della vittoria di Demare, ma c’è da dire che il francese sta affrontando una stagione stratosferica. Questa è la sua undicesima vittoria del 2020. Ci sono annate in cui ti va tutto bene o ti va tutto male. L’altro giorno Peter è stato battuto da Ulissi, oggi ha trovato un altro rivale… . Ma sta onorando questo suo primo Giro d’Italia e comunque si può consolare con una ‘mezza vittoria’ della maglia ciclamino.

LA CORSA ROSA PERDE IL SUO FAVORITO NUMERO UNO: GERAINT THOMAS

Già ieri sera avevo dichiarato a voi di OA Sport che secondo me si sarebbe ritirato ed è successo. Poi hanno scoperto anche una microfrattura al bacino. Onore al merito di Mister G che è arrivato fino al traguardo della tappa di ieri. Di sicuro sarà difficile che in futuro ritorni al Giro. Prima il poliziotto che lo ha travolto al Giro 2017, adesso la caduta causata dalla borraccia. Questa è proprio sfortuna completa. 

JAKOB FUGLSANG E LA RINCORSA AL PODIO SENZA LOPEZ E VLASOV

Sì, è sfavorito a livello di squadra, ma abbiamo un esempio su tutti che è il recente vincitore del Tour de France Tadej Pogacar, che ha conquistato la maglia gialla con una formazione decimata, senza Aru e Formolo. La squadra è importante, serve in determinate situazioni, ma credo che Fuglsang debba approfittare soprattutto della sua condizione in salita. Non credo che cambi molto il fatto di aver perso due elementi. Ovviamente fa scena, ma se uno va forte va forte. Piuttosto Jakob deve recriminare per una deludente cronometro, ma è sempre in corsa, sempre lì. 

VINCENZO NIBALI RISCHIA DI AVERE ADDOSSO TUTTO IL PESO DELLA CORSA? LE ALTRE SQUADRE LASCERANNO LAVORARE LA TREK-SEGAFREDO 

È un Giro equo e variegato in ogni sua tappa. Ad esempio, oggi la Deceuninck-Quick Step non aveva alcun tipo di problema e di interesse ad andare sulla fuga e ha trovato la Groupama-FDJ e la Bora-Hansgrohe che si sono divise il colpito di tirare il gruppo. Nibali ha a disposizione una buona squadra per le montagne, anche se, secondo me, in salita gli mancherà sempre qualcuno a dargli manforte. Forse sarà quello il problema. Ma conoscendo Vincenzo, lui ha già gestito questo tipo di situazioni. Non vedo una difficoltà nel peso della corsa. Ma è chiaro che come squadra e come corridore, al momento è quello che avrà più da fare. Ci saranno delle imboscate ed è questo il vero problema. Questo Giro sembra facile, ma non lo è affatto. Tutti aspettano la terza settimana, ma abbiamo visto che in tre giorni si è già ribaltato tutto.

QUINTA TAPPA: LA POSSIBILE IMBOSCATA DEL VALICO DI MONTE SCURO

Quella di domani sarà una tappa molto difficile, delicata. Ci saranno da vedere altre possibili defezioni. Non è un Giro facile. Chi ha perso terreno per una crisi, come ad esempio Simon Yates, potrebbe tentare di fare qualcosa e recuperare in salita. Bisognerà fare attenzione, perchè qualcuno potrebbe pagare lo scotto di qualche attacco sulla salita che troveranno nel finale. Non penso che Yates sia tagliato fuori dai giochi. Fondamentalmente non ha perso tredici minuti; è lì. Ovviamente è indietro in classifica, ma ricordiamoci che sabato ha dimostrato di andare forte a cronometro. Sull’Etna ha avuto semplicemente una giornata critica e secondo me domani farà qualcosa. Poi magari va via la fuga, ma questo è imprevedibile. 

LE PUNTATE PRECEDENTI

Puntata zero: presentazione del Giro d’Italia

Prima puntata: Questo Giro parla già inglese. Nibali nella norma, deluso da Fuglsang”

Seconda puntata: “Ulissi ha avuto coraggio. Yates favorito sull’Etna, ma Nibali può provare qualcosa”

Terza puntata: “Giro scontato? Ecco la risposta! Ineos e Yates gli sconfitti: adesso può succedere di tutto”

CLICCA QUI PER TUTTE LE NOTIZIE DI CICLISMO

lisa.guadagnini@oasport.it

Twitter: @lisa_guadagnini

Clicca qui per seguire OA Sport su Instagram

Clicca qui per mettere Mi piace alla nostra pagina Facebook

Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo

Clicca qui per seguirci su Twitter

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Pagelle Giro d’Italia 2020, quarta tappa: Demare dà il colpo di reni migliore, Gaviria delude

LIVE Giro d’Italia, Catania-Villafranca Tirrena in DIRETTA: Wackermann steso dall’imperizia di un elicottero. Demare vince su Sagan, Almeida incrementa in classifica