Giro d’Italia 2020: Vincenzo Nibali, c’è lo Stelvio per dare l’assalto al podio. Ma Hindley e Geoghegan Hart sono solidi

Vincenzo Nibali occupa il settimo posto nella classifica generale del Giro d’Italia 2020, attardato di 3’31” dalla maglia rosa Joao Almeida. Il distacco dal portoghese è abissale, come lo è quello che lo separa dall’olandese Wilco Kelderman (si trova a 3’14” dal secondo in graduatoria). Il terzo posto, però, è abbastanza vicino: l’australiano Jai Hindley è lontano 33”, davanti a lui però ci sono anche il britannico Tao Geoghegan Hart (a 32”), lo spagnolo Bello Bilbao (a 19”), il polacco Rafal Majka (a 11”). Ribaltare la Corsa Rosa e cercare di vincere appare un’impresa fantasmagorica, il siciliano potrebbe anche cercare di provarci, ma dovrà davvero superarsi e inventarsi un numero d’antologia che riscriverebbe la storia del ciclismo. Il 35enne potrebbe più concretamente puntare al podio e ha dalla sua il tappone di domani per cercare di raggiungere un obiettivo estremamente onorevole, eguagliando anche il record di Felice Gimondi.

Il capitano della Trek-Segafredo dovrà minare le certezze di chi lo precede in classifica, sfruttando l’altimetria spaccagambe che caratterizzerà la 18ma frazione. La vera frazione regina, dove tutto è possibile. Si incomincia subito in salita col Campo Carlo Magno, poi l’insidioso Hofmahdjoch (8,8 km al 9,1% di pendenza media) prima di affrontare il Passo dello Stelvio. Si tratta della Cima Coppi, ovvero della salita più alta del Giro d’Italia con i suoi 2.758 metri s.l.m (24,7 km di salita al 7,5% di pendenza media con massime del 12%). Dalla cima una discesa di 27 km per arrivare a Isolaccia e imboccare la salita che porta alle Torri di Fraele (8,7 km al 6,8% di pendenza media), dal GPM due chilometri sostanzialmente pianeggianti per giungere ai Laghi di Cancano.

Si andrà ben oltre i 2000 metri di altitudine sullo Stelvio, la temperatura si aggirerà attorno ai 3 °C e poi ci sarà una discesa infernale dove l’escursione termica si farà sentire. Anche il traguardo è vicino ai 2000 metri (1945 m.s.l.m.). Terreno da Nibali, che oltre la soglia psicologica dei 2000 può davvero fare la differenza e mettere tutti in difficoltà. La solidità di Hindley e Geoghegan Hart fa paura, ma bisogna tentare qualcosa a costo di saltare. Anche perché il tappone di sabato è stato ridisegnato: niente Colle dell’Agnello e Izoard, si scalerà il Sestriere tre volte e non sarà così difficile. Là dove osano le aquile, uno Squalo dovrà scatenarsi: o tutto o niente.

CLICCA QUI PER LEGGERE TUTTE LE NOTIZIE DI CICLISMO

stefano.villa@oasport.it

Clicca qui per seguire OA Sport su Instagram
Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Foto: Lapresse

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.

TAG:
Giro d'Italia 2020 Vincenzo Nibali

ultimo aggiornamento: 21-10-2020


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

DIRETTA Vuelta a España 2020, tappa di oggi LIVE: Marc Soler vince in solitaria. Roglic maglia rossa

Vuelta a España 2020, le pagelle della seconda tappa: Marc Soler merita il dieci, Carapaz dà spettacolo, ma Roglic guadagna ancora con gli abbuoni