Tour de France 2020: l’orgoglio di Egan Bernal. Scatto imprevedibile, un segnale a Roglic: non è finita

Nelle fasi finali della frazione odierna del Tour de France 2020, la Clermont Ferrand-Lione, mentre dal gruppo scattavano corridori a spron battuto, ha tentato l’azione anche Egan Bernal. Il colombiano si è mosso sulla Cote de la Croix-Rousse, seguendo un tentativo di Julian Alaphilippe. Il suo allungo, però, è stata immediatamente tamponato dai compagni di squadra della maglia gialla Primoz Roglic.

Un fendente, quello del colombiano, difficile da interpretare. Sicuramente non poteva pensare di fare la differenza in quel punto della gara ed era altrettanto complicato, per lui, portare via un gruppetto con cui, poi, giocarsi il successo parziale in uno sprint ristretto. Potrebbe aver voluto lanciare un segnale a Roglic, ma anche a se stesso. Come a dire: “Io ci sono, non mi arrendo“.

Potrebbe anche essere stato un gesto dovuto alla frustrazione di chi sta soffrendo, anche psicologicamente, la botta ricevuta sul Pas de Peyrol. La Grande Boucle non sta andando come Egan immaginava. La sua squadra non è solida come in passato e Roglic e Pogacar, al momento, hanno dimostrato di avere una marcia in più. Con quell’allungo, magari, Egan cercava di capire come stava la gamba in vista di domani, poiché un po’ di fiducia nei suoi mezzi gli è venuta meno.

Ad ogni modo, nella frazione a cui assisteremo tra poco meno di ventiquattro ore, capiremo realmente come sta il colombiano. Il passo falso di venerdì, come testimoniato da Egan stesso, non è frutto di una giornata storta, ma, bensì, merito degli avversari che sono andati più forte di lui. Le salite che arrivano ora, però, sono completamente diverse dall’erta sopraccitata e si vedranno altri valori. Ad Egan non resta che confidare nelle sue qualità, nella speranza che gli altri non si rivelino superiori anche su terreni a lui più congeniali.

luca.saugo@oasport.it

Twitter: @LucaSaugo

Clicca qui per seguire OA Sport su Instagram
Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Foto: LaPresse

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.

TAG:
Egan Bernal Primoz Roglic Tadej Pogacar Tour de France 2020

ultimo aggiornamento: 12-09-2020


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

F1, Antonio Giovinazzi: “Sono deluso di essere stato eliminato in Q1, ho pagato a caro prezzo un errore nell’ultimo tentativo”

Equitazione, Campionati Italiani salto ostacoli 2020: vince Piergiorgio Bucci su Casago