Golf, un perfetto Dustin Johnson smorza le velleità degli avversari seminandoli al termine del terzo round del Tour Championship 2020

Dustin Johnson sta vivendo un autentico stato di grazia e ad un round dal termine del Tour Championship 2020 mette ben 5 lunghezze di margine tra se’ ed i rispettivi inseguitori. Sul percorso par 70 dell’East Lake Golf Club di Atlanta (Georgia, Stati Uniti) il numero uno dell’Official World Golf Ranking piazza un giro da -6 (64 colpi) issandosi così ad un complessivo -19 (201 colpi) frutto della somma del -10 di partenza e dei tre round effettivamente disputati.

Ricordiamo che la formula del Tour Championship prevede che i 30 partecipanti partano con un determinato score al di sotto del par a seconda del loro ranking. Per questo motivo Xander Schauffele, seppur migliore sul campo, occupa la seconda piazza con lo score di -14 (199 colpi). L’americano condivide la rincorsa a Johnson con il connazionale Justin Thomas, tra i migliori di questa terza tornata con -4.

Prova a darsi la scossa Jon Rahm. L’iberico, dopo un secondo round da incubo, si riscatta grazie ad un ottimo -4 portandosi in solitaria in quarta posizione con il punteggio di -13 (205 colpi). -12 e quinto posto per lo statunitense Collin Morikawa che precede di due lunghezze il connazionale Daniel Berger ed il sudcoreano Sungjae Im. -9 ed ottava piazza per l’americano Scottie Scheffler, mentre chiudono la top ten con lo score di -8 l’inglese Tyrrell Hatton, lo statunitense Brendon Todd ed il nordirlandese Rory McIlroy.

Bene Tony Finau che recupera 8 posizioni assestandosi al 12° posto con -7 in compagnia del messicano Abraham Ancer, del colombiano Sebastian Munoz, del giapponese Hideki Matsuyama e dei padroni di casa Webb Simpson e Lanto Griffin.

Nel lunedì sera italiano, a differenza dei canonici epiloghi domenicali, i migliori golfisti del PGA Tour andranno in scena per decretare il nuovo vincitore del Tour Championship, con un Dustin Johnson sugli scudi che partirà inevitabilmente con i favori del pronostico.

Clicca qui per seguire OA Sport su Instagram
C
licca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook

Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Foto: LaPresse

Leggi tutte le notizie di oggi su OA Sport

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

NASCAR Truck Series, Ben Rhodes beffa tutti nel finale e vince a Darlington

NBA Playoff 2020: i Bucks evitano lo sweep nonostante l’infortunio di Antetokounmpo. I Lakers impattano sull’1-1 la serie con Houston