Show Player

F1, Jean Todt: “La scelta dei motori ibridi era obbligata per la sopravvivenza del Circus”



Parlare dei motori ibridi in F1, automaticamente porta a parlare della Mercedes. Non vi sono dubbi che il brand della Stella a tre punte abbia marchiato a fuoco questa era del Circus, considerando i titoli in successione e quelli che arriveranno quest’anno (molto probabilmente) e forse nel 2021. Il 75% circa di GP vinti e i sei titoli piloti e i sei costruttori attuali saranno, salvo sconvolgimenti miracolosi, ulteriormente aggiornati. Un aspetto che non sta rendendo la F1 particolarmente appetibile, visto l’esito scontato delle corse in questa stagione soprattutto.

In una recente intervista l’ex presidente della Ferrari Luca Cordero di Montezemolo si era detto pentito di aver avallato questa nuova generazione di motori, ma stando a quanto riferito dal n.1 della FIA Jean Todt la scelta è stata dettata dalle esigenze di un contesto cambiato rispetto a prima: “Il mondo intorno a noi è mutato, il cambiamento climatico e in cima alla lista delle priorità di tutti i governi. Pertanto, la decisione di adottare i motori ibridi era quasi obbligata, altrimenti la categoria non sarebbe sopravvissuta“, ha dichiarato Todt in un’intervista concessa ad Auto Motor und Sport.

Loading...
Loading...

Tuttavia, non mancano le perplessità sui progetti di questi propulsori, che potrebbero essere soggetti a delle modifiche dal 2023. Aspetti riguardanti i cosiddetti e-fuel, ma possibili soluzioni sono ancora da verificare e allo studio.

CLICCA QUI PER TUTTE LE NOTIZIE DELLA F1

giandomenico.tiseo@oasport.it

Twitter: @Giandomatrix

Clicca qui per seguire OA Sport su Instagram
Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Foto: Konstantin Egorychev / Shutterstock.com

Loading...

Lascia un commento

scroll to top