NBA 2020, Marco Belinelli: “Non possiamo far finta che non accada nulla. Lo sport ha un potere enorme, il razzismo problema sociale”

Dalle pagine del Corriere della Sera, Marco Belinelli è tornato a far parlare qualcosa di più della pallacanestro. Lui, che da 13 anni vive la NBA e la realtà americana, sa cosa sta succedendo. Sa cos’è accaduto, e ha preso posizione: è stato uno tra i molteplici giocatori a volere, nella bolla di Orlando, prima che i San Antonio Spurs uscissero di scena senza disputare la postseason per la prima volta in più di vent’anni, una scritta sul retro della propria maglia. “Uguaglianza”. “Equality”.

Sull’accaduto: “Un boicottaggio simile non c’eri mal stato prima. Solo Bill Russell nel ’61, ma era tutt’altra cosa. Vista dall’Italia, magari è difficilmente comprensibile, ma dalla bolla è tutto molto più chiaro. La questione è davvero pesante. Non ho scoperto niente di più di quello che già sapevo vivendo in America. Ma con calma le cose si vedono più chiaramente.[…] Alcuni miei compagni mi hanno raccontato di episodi di cui sono stati protagonisti loro malgrado. E solo a causa del colore della loro pelle. Ed essere stelle del basket non li ha aiutati. […] Capisco perché se sei afroamericano hai paura della polizia. Ci nasci, con la paura della polizia. E noi bianchi non possiamo capirlo“.

Sul potere dello sport: “Credo che lo sport abbia un potere enorme. Noi atleti dobbiamo essere i primi ad amplificare certe storture attraverso le nostre piattaforme. I confini non esistono più. Lo abbiamo visto con George Floyd, quando tutto il mondo si è inginocchiato. Un poliziotto che spara nel Wisconsin è anche un problema nostro, non solo del Wisconsin. Noi sportivi abbiamo un peso: dobbiamo sfruttarlo“.

Sul razzismo: “Io non voto negli Stati Uniti, non mi riguarda direttamente. Invece mi riguarda il razzismo: non è un problema politico ma sociale. Non possiamo coprirci gli occhi e fare finta che non accada nulla. Ci sono cose più importanti di una partita di basket“.

CLICCA QUI PER TUTTE LE NEWS SUL BASKET

federico.rossini@oasport.it

Clicca qui per seguire OA Sport su Instagram
Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook

Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Foto: LaPresse

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.

TAG:
Basket NBA Marco Belinelli NBA 2019-2020 San Antonio Spurs

ultimo aggiornamento: 28-08-2020


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Ciclismo, Remco Evenepoel stanco dei paragoni con Merckx: “Basta, ognuno è se stesso. Io non sono come altri”

Superbike, risultato FP2 GP Aragon 2020: Jonathan Rea detta il passo davanti a Lowes e Redding, 5° Rinaldi