Seguici su

MotoGP

MotoGP, Andrea Dovizioso: “È stato un weekend difficile e non sappiamo la ragione dei nostri problemi”

Pubblicato

il

Andrea Dovizioso ha vissuto un weekend difficilissimo durante il Gran Premio di Repubblica Ceca. Alla diciottesima posizione in qualifica, peggior piazzamento di sempre da quando corre in MotoGP, ha fatto seguito un mesto undicesimo posto nella gara di domenica, che gli ha consentito di aggiungere solamente cinque punticini al suo bottino iridato, cedendone altri quattro a Fabio Quartararo nonostante il francese quest’oggi non sia andato oltre la settima piazza. Ecco cosa ha dichiarato il trentaquattrenne della Ducati al termine della competizione odierna.

“È stato un weekend difficile. Purtroppo non abbiamo ancora capito la ragione dei nostri problemi. Oggi gli pneumatici hanno risentito molto dell’usura (come annunciato dallo stesso Andrea ieri, nda) e non ci hanno permesso di esprimerci al meglio. Però non sappiamo di preciso se siano state solo le gomme a fare una differenza così grande in gara. Evidentemente tutto quello che abbiamo imparato negli ultimi tre anni in tema di set-up va azzerato perché non è più valido”.

Eppure una Ducati è stata protagonista, ovvero quella di Johann Zarco, che ha saputo concludere al terzo posto dopo aver realizzato la pole position. Questo può in qualche modo aiutare il team ufficiale? “Zarco ha disputato un grandissimo fine settimana. A questo punto analizzeremo anche i suoi dati per cercare di capire meglio la situazione”.

[sc name=”banner-app-2020″]

Davvero sconsolato Dovizioso, per il quale adesso arrivano due gare fondamentali. Infatti la Ducati ha sempre vinto tutte le gare disputate a Zeltweg da quando esiste la MotoGP e quest’anno, in Austria, si disputa un double header.

[sc name=”banner-article”]

CLICCA QUI PER TUTTE LE NOTIZIE SUL MOTOMONDIALE

paone_francesco[at]yahoo.it

Clicca qui per seguire OA Sport su Instagram
Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Foto: Shutterstock

Clicca per commentare

Tu cosa ne pensi?

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *