Giro del Delfinato 2020: Sepp Kuss conquista l’ultima tappa. A Daniel Martinez la generale



Sepp Kuss conquista l’ultima tappa del Giro del Delfinato 2020, regalando una soddisfazione al suo team nella giornata in cui il compagno Primoz Roglic si è visto costretto al ritiro, a causa dei postumi della caduta di ieri, mentre era saldamente in maglia gialla. Kuss, statunitense di Durango, ha trionfato in solitaria a Megeve precedendo Daniel Martinez, Tadej Pogacar e Pavel Sivakov. Proprio Martinez ha conquistato la classifica generale davanti a Thibaut Pinot, il quale stamattina, dato il ritiro del re della Vuelta 2019, era il leader della graduatoria.

La corsa si accesa sin dai primi chilometri, ancora prima dell’attacco del Col de Romme, l’ascesa più dura di giornata, quando in testa alla gara è rimasto in gruppo di 25 di cui non facevano parte Richie Porte (Trek-Segafredo) e Nairo Quintana (Arkea-Samsic). Sul Col de la Colombiere, in seguito hanno attaccato Pavel Sivakov (Ineos) e Julian Alaphilippe (Deceuninck-Quick Step), i quali hanno staccato il resto della compagnia. Sulla Cote de Domancy, a circa 25 chilometri dal traguardo, è partito Tadej Pogacar (UAE Team Emirates) che si è portato sui primi due trascinando con sé anche Daniel Martinez (EF Pro Cycling), Miguel Angel Lopez (Astana) e Sepp Kuss (Jumbo-Visma). Proprio quest’ultimo, sulla seguente Cote de Cordon, ha attaccato costringendo Lopez e Alaphilippe a staccarsi.Il colombiano, dell’Astana, tuttavia è riuscito a rientrare all’imbocco della discesa e ha anche provato ad allungare, senza però fare la differenza.

Loading...
Loading...


Sull’erta conclusiva, il Col de l’Altiport, Sepp Kuss ha attaccato appena la strada ha iniziato a salire, staccando i compagni di fuga. Dietro, invece, Thibaut Pinot che fino a quel momento sembrava in crisi, si è ridestato e si è lanciato in un lungo inseguimento. Lopez, nel frattempo, si è staccato noveamente da Sivakov, Pogacar e Martinez, che sono rimasti all’inseguimento dello statunitense della Jumbo-Visma. I tre, però, si sono guardati un po’ troppo tra loro e il vantaggio del primo, a metà salita, è diventato incolmabile. Pinot, nonostante il grande lavoro, invece, non è riuscito a strappare a Martinez il margine necessario per vincere la gara.

luca.saugo@oasport.it

Twitter: @LucaSaugo

Clicca qui per seguire OA Sport su Instagram
Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Foto: Shutterstock

Loading...

Lascia un commento

scroll to top