Seguici su

Formula 1

F1, Sebastian Vettel: “Sono frustrato, in due settimane non è cambiato niente. Strategia sbagliata”

Pubblicato

il

Sebastian Vettel si è reso protagonista di una pessima prestazione nel GP del 70° Anniversario, quinta tappa del Mondiale F1 2020 che è andata in scena sul circuito di Silverstone. Il tedesco è andato in testacoda alla curva 1 durante il primo giro, commettendo un errore davvero clamoroso per un quattro volte Campione del Mondo. Il pilota della Ferrari è così rimasto nel traffico per quasi tutta la gara, non è riuscito a rimontare più di tanto e ha concluso con un deludente dodicesimo posto. La sua annata con la Scuderia di Maranello è per il momento pessima, al termine di questa tormentata stagione concluderà il suo rapporto col Cavallino Rampante e il confronto col compagno di squadra Charles Leclerc (oggi quarto) è impietoso.

Sebastian Vettel ha analizzato la sua prova ai microfoni di Sky Sport F1: “Siamo reduci da due settimane molto negative, non so cosa sia successo in termini di passo: è un po’ strano, di certo non sono le migliori giornate per me ed è un po’ frustrante. Oggi ci abbiamo provato ma mi sono girato al primo giro: non so cosa sia successo, probabilmente ho avuto un colpo dal cordolo e mi ha colto di sorpresa. Siamo tornati in gruppo abbastanza rapidamente ma la strategia non è stata grandiosa, abbiamo fatto quello che volevamo fare e non so cosa abbiamo pensato in quel momento: andiamo avanti“.

[sc name=”banner-app-2020”]

Il teutonico ha poi proseguito: “Il mio passo è stato lo stesso per le due settimane, non è migliorato. Il feeling è stato un po’ migliore ma il passo era lo stesso. Questo è un punto interrogativo ma io non posso farci volto. Cercherò di fare il massimo e di mantenere la calma“.

[sc name=”banner-article”]

CLICCA QUI PER LEGGERE TUTTE LE NOTIZIE DI F1

stefano.villa@oasport.it

Clicca qui per seguire OA Sport su Instagram
Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Foto: Lapresse

Clicca per commentare

Tu cosa ne pensi?

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *