Rugby, Pro 14: Zebre, George Biagi appende gli scarpini, ma resta nel club

Dopo sette stagioni, 119 apparizioni ufficiali – di cui 51 da capitano – e 7 mete segnate con la franchigia federale, il 23 volte azzurro George Biagi saluta il rugby giocato e intraprende una nuova avventura all’interno del club di Parma, a conclusione del suo contratto da atleta. Nato a Irvine, in Scozia, nel 1985, con mamma italiana e papà scozzese (ma di origine italiana), George è cresciuto in Italia, prima di tornare in Scozia a 13 anni, dove scopre il rugby.

Inizia a giocare nel Fettes College di Edimburgo, per poi tornare in Italia per frequentare la Bocconi a Milano. Qui veste le maglie del Grande Milano e dell’Amatori Milano, ma il salto avviene nel 2008, quando passa al Prato, con cui vinse la promozione in Eccellenza; nel 2010 guadagnò il suo primo contratto professionistico entrando nella neonata formazione degli Aironi che si apprestava ad affrontare la Celtic League. Falliti gli Aironi, Biagi si trasferisce in Inghilterra al Bristol per una stagione, per poi rientrare in Italia alle Zebre. L’esordio in Nazionale avvenne a 28 anni nel Sei Nazioni 2014 contro l’Inghilterra a Roma a partita in corso come sostituto di Paul Derbyshire; a causa di un infortunio non poté essere preso in considerazione per la Coppa del Mondo di rugby 2015 in Inghilterra ma fu nuovamente disponibile per il Sei Nazioni 2016, nel frattempo con gli acquisiti gradi di capitano delle Zebre. La presenza internazionale più recente è l’incontro di Marsiglia contro la Francia al Sei Nazioni 2018 (suo 23simo cap), e ha anche una prestigiosa convocazione col club a inviti dei Barbarians nell’autunno del 2019.

Appesi gli scarpini al chiodo, la seconda linea italo-scozzese andrà a ricoprire l’incarico di Rugby Operations Manager, una figura dirigenziale innovativa che fungerà da trait d’union tra la società e l’area tecnico-sportiva, lavorando in stretta collaborazione con il team manager Andrea De Rossi. Obiettivo delle Zebre è quello di sviluppare un processo di crescita della propria struttura dirigenziale volto a migliorare la performance sportiva della squadra e la coesione generale tra la società ed i tesserati del club.

Le parole di George Biagi: “Sono contento di poter continuare a dare il mio apporto alla società ed ai miei ex compagni di squadra, dopo sette anni intensi vissuti sul campo. In questa nuova veste sarò da subito operativo con tanto entusiasmo. Ho preso questa decisione professionale di rimanere in prima linea per lo sviluppo del rugby e per poter mettere tutta la mia esperienza ovale e di studi universitari a disposizione di questo sport e del club che mi ha dato tanto in questi anni. Ringrazio dunque la Federazione Italiana Rugby, Andrea Dalledonne e Andrea De Rossi per questa grande opportunità”.

CLICCA QUI PER TUTTE LE NOTIZIE DI RUGBY

duccio.fumero@oasport.it

Clicca qui per seguire OA Sport su Instagram
Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Foto: Massimiliano Carnabuci – LPS

Leggi tutte le notizie di oggi su OA Sport

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.

TAG:
George Biagi Guinness Pro 14 Nazionale Italiana Rugby Zebre

ultimo aggiornamento: 14-07-2020


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Giro d’Italia 2020, la CCC annuncia gli uomini di punta: Patrick Bevin, Jakub Mareczko e Alessandro De Marchi

MotoGP, Mondiale 2020: i favoriti. Marquez in pole, Quartararo e Vinales gli sfidanti. Sarà corsa a tre?