Nuoto, Paltrinieri, Detti e Panziera all’erta! Gli altri big europei tornano in acqua

“In principio furono le Olimpiadi, poi il Coronavirus… ora finalmente il nuoto”, si potrebbe scherzosamente riassumere questo inizio così travagliato di un 2020 che, per numerose vicende extra-natatorie, è stato capace di mettere in secondo piano tempi e corsie proprio nella stagione in cui sarebbero dovuti essere gli assoluti protagonisti.

Ora però, dopo mesi difficili, il panorama natatorio globale sembra essersi finalmente rialzato ed eventi e manifestazioni stanno timidamente e sommessamente provando a rispuntare sui calendari tristemente sgombri degli appassionati. Su questa linea non può quindi che attirare l’attenzione degli addetti ai lavori la striscia di meeting che prenderanno il via nell’Est Europa nei prossimi giorni, dopo le grandi emozioni vissute in Olanda con le super performance di Arno Kamminga e Ranomi Kromowidjojo.

In questo fine settimana tornerà infatti in acqua nella sua Ucraina il temibile avversario di Gregorio Paltrinieri e Gabriele Detti, Mychajlo Romanchuk, che scalderà i motori nella stagione in cui è chiamato a confermarsi definitivamente a livello globale dopo gli alti e bassi degli ultimi anni che, per ora, gli hanno assegnato soltanto lo status di temibilissima mina vagante del gruppo ma non quello di uomo da battere, suo obiettivo sin da quando si allenava alla corte di Stefano Morini.

Oltre ai Gemelli Diversi del nuoto azzurro, anche altri nazionali seguiranno con attenzione delle competizioni che prenderanno il via nel fine settimana più ad ovest, in quel di Budapest. In un meeting che vedrà impegnate le selezioni di Ungheria, Austria e Polonia, grande attesa infatti per l’esordio post-covid di Katinka Hosszu (con Ilaria Cusinato e Margherita Panziera molto interessate) e Kristof Milak, avversario diretto del classe 2001 Federico Burdisso nei 200 farfalla.

michele.giovagnoli@oasport.it

CLICCA QUI PER ISCRIVERTI GRATIS ALLA NEWSLETTER DI OA SPORT

 

Clicca qui per seguire OA Sport su Instagram
Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Foto: Shutterstock

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Ciclismo su pista: Nazionale femminile in raduno oggi a Montichiari. Le convocate

Alex Zanardi è stato dimesso dall’ospedale ad un mese dall’incidente, trasferito in un centro di riabilitazione