Tennis, Novak Djokovic nell’occhio del ciclone: il serbo criticato per incoerenza da colleghi e tifosi



Novak Djokovic nell’occhio del ciclone. L’Adria Tour, mini-circuito di tennis organizzato nei territori balcanici, avrebbe dovuto rappresentare qualcosa di confortante dopo l’incubo della pandemia. Probabilmente, si è esagerato. Di fatto, l’iniziativa promossa da Nole e dal proprio entourage è stata aderente ai voleri governativi e non ha violato alcuna regola, se si guarda anche a cosa sia accaduto nel derby tra Stella Rossa e Partizan Belgrado (25.000 spettatori sugli spalti).

Tuttavia, quanto visto a Belgrado e Zara ha posto il n.1 del mondo in una posizione molto scomoda, in quanto nel corso della pandemia il campione serbo si era esposto in maniera molto netta a supporto di chi ha sofferto (ricordiamo la donazione fatta a Bergamo), criticando apertamente le misure suggerite per organizzare lo US Open, che a suo avviso non erano rispettose delle condizioni dei giocatori.

Loading...
Loading...

In questo senso fa strano che Nole abbia assecondato certi atteggiamenti e lui stesso si sia lasciato andare all’entusiasmo sfrenato, dimenticandosi o facendo finta di dimenticare quanto fosse accaduto precedentemente. In questo senso il parere di alcuni colleghi è tagliente. Su tutti, l’idea dell’australiano Nick Kyrgios: “Organizzare quell’esibizione è stata un’idea idiota. Auguro ai ragazzi una rapida guarigione, ma questo è ciò che accade quando non si rispettano i protocolli. Non si tratta di uno scherzo“, le parole al vetriolo del Kid di Canberra.

Sì perché il riferimento dell’aussie è ai casi positivi di Grigor Dimitrov, di Borna Coric e anche del preparatore atletico di Djokovic e del coach del bulgaro. Un vero e proprio disastro, frutto della totale assenza di prevenzione. Tutti quindi hanno le loro responsabilità e le scuse di Alexander Zverev, via social, sono un segnale. A questo proposito, quel che si sa del n.1 del ranking è che il test a cui si è sottoposto avrebbe dato esito negativo (fonte: media serbi). L’augurio è che sia davvero così, ma è chiaro che ora sul destino della competizione che dovrebbe prevedere l’epilogo in Bosnia il 3-4 luglio c’è un grande punto interrogativo e si spera non vi siano conseguenze sul circuito internazionale vero e proprio.

CLICCA QUI PER TUTTE LE NOTIZIE DEL TENNIS

giandomenico.tiseo@oasport.it

Twitter: @Giandomatrix

Clicca qui per seguire OA Sport su Instagram
Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Foto: LaPresse

Loading...

Lascia un commento

scroll to top