Atletica, i record del mondo: la bordata da 22,63 metri di Natalya Lisovskaja nel getto del peso


Natal’ja Venediktovna Lisovskaja è nata a Baschiria, 16 luglio 1962, ha dato vita assieme a Jurij Sjedych (campione e recordman mondiale del lancio del martello), suo marito, alla coppia d’oro dei lanci sovietici prima e russi poi. Lisovskaja, specialista del peso, ottenne la sua prima grande vittoria internazionale alle Universiadi di Edmonton in Canada nel 1983 raggiungendo la misura di 20.46, poi la vittoria ai Mondiali Indoor di Parigi nel 1985 e di nuovo ai Mondiali al coperto di Indianapolis nel 1987.

Proprio il 1987 è il suo anno d’oro, iniziato con il titolo iridato indoor e proseguito, il 7 giugno, con il lancio che avrebbe segnato un’epoca. il 7 giugno 1987 sulla pista di casa, a Mosca, la sua spallata le valse la misura di 22 metri e 63 centimetri che non sarà più battuto da nessuna atleta fino ai giorni nostri, nonostante le grandi interpreti della specialità delle ultime stagioni, prima fra tutte la neozelandese Valerie Adams. Ai Mondiali di Roma 1987 conquista l’oro più prestigioso della sua carriera fino a quel momento mettendosi alle spalle le fortissime rappresentanti della Germania Est Kathrin Neimke e Ines Müller e battendo la prima di soli 3 centimetri.

Loading...
Loading...

E’ però con la vittoria alle Olimpiadi di Seul nel 1988 che Natal’ja Lisovskaja giunge all’apice della carriera, successo impreziosito da una stratosferica misura di 22,24. Nel 1990 a Spalato in Croazia vince la medaglia d’argento agli Europei preceduta dalla tedesca dell’est Astrid Kumbernuss ed è argento anche l’anno successivo ai Mondiali di Tokyo alle spalle della cinese Huang Zhihong.

CLICCA QUI PER LEGGERE TUTTE LE NOTIZIE DI ATLETICA LEGGERA

Clicca qui per seguire OA Sport su Instagram
Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Foto Lapresse

Loading...

Lascia un commento

scroll to top