Nuoto, i record del mondo: l’inarrivabile 14’31″02 di Sun Yang a Londra 2012. Un primato macchiato dai fatti degli anni seguenti

Raccontare una impresa meravigliosa che a un certo punto si riempie di macchie fino ad essere pressoché cancellata non è semplice ma, fino a prova contraria, il Sun Yang che a Londra 2012 fece segnare un record del mondo stratosferico sui 1500 stile libero con 14’31″02, che da anni campeggia nella mente di un fenomeno come Gregorio Paltrinieri come obiettivo massimo della carriera, era a tutti gli effetti un atleta pulito e, in quel momento, assunse il ruolo di star assoluta dello sport cinese.

Una gara incredibile, quella del cinese che parte forte e chiude fortissimo, con un finale da togliere il fiato a qualsiasi candidato a infrangere un primato che difficilmente potrà essere avvicinato a breve. Sun Yang arriva a Londra tutt’altro che sconosciuto. I 1500 lo avevano visto già protagonista a Roma 2009 quando, a soli 18 anni, fu terzo nella gara vinta da Mellouli ma soprattutto l‘anno precedente quando, nella piscina di casa a Shanghai, dopo la sconfitta contro i coreano Park nei 400 stile, si rifece ampiamente vincendo gli 800 ma soprattutto i 1500 con il record del mondo già stratosferico di 14’34″14. 

Un metronomo in testa, un ritmo indiavolato, quello di Sun Yang a Londra, con Cochrane e Kis (Mellouli sarà squalificato) a seguirlo da lontano e con quello che avrebbe poi preso il suo posto sul trono della gara più lunga in piscina, Gregorio Paltrinieri, alla prima finale olimpica in carriera, ancora più indietro. Questa la progressione dei tempi della gara perfetta del cinese, 100 metri per 100 metri: 55.80; 1:54.31; 2:52.63; 3:51.50; 4:49.62; 5:48.15; 6:46.74; 7:45.45; 8:44.32; 9:43.10; 10:41.73; 11:40.64; 12:39.00; 13:37.53; 14:31.02 (ultime due vasche in 27.81 e 25.68 per un totale di 53.49). Passaggi da marziano che finora hanno reso impossibile ogni tentativo di avvicinamento e che permisero a Sun Yang di conquistare l’oro più atteso. Quella che verrà otto anni dopo è un’altra storia e le macchie (comunque finisca, questa storia) rimarranno per sempre.

CLICCA QUI PER LEGGERE TUTTE LE NOTIZIE DI NUOTO

Clicca qui per seguire OA Sport su Instagram
Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Foto Lapresse

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.

TAG:
Gregorio Paltrinieri Londra 2012 Sun Yang

ultimo aggiornamento: 18-05-2020


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Basket: dilemma ripartenza in Spagna. Giocatori contrari secondo un sondaggio anonimo, poi la smentita

Fernando Alonso: “La prossima sfida sarà importante, in F1, Endurance o IndyCar”