Show Player

Calcio, Fabrizio Biasin: “Decisione politica per ripresa della Serie A, necessarie riforme per l’intero sistema”



Ti amo campionato, perché non sei falsato. No, no, non sei falsato, a me mi eri sembrato falsato, m’han detto che non sei falsato…“. Così Elio e Le Storie Teste, con la loro punta di ironia, cantavano qualche anno fa per qualcosa di attinente a partite di calcio dagli esiti dubbi per responsabilità arbitrali, a favore di qualcuno (Juventus). La riflessione è la stessa, ma le motivazioni ben diverse.

La pandemia globale ha sconvolto tutto e tutti e in Italia il dibattito sulla ripresa o meno del campionato, rimanendo in tema musicale, è come un pezzo “evergreen”. Un nuovo protocollo è stato confezionato dalla Figc e dalla Lega e il Cts ha detto “Sì” agli allenamenti collettivi. Si tornerà a calcare il rettangolo verde per i match ufficiali? Il 28 maggio lo sapremo, stando a quanto annunciato dal ministro dello Sport Vincenzo Spadafora, ma indubbiamente la stagione 2019-2020, comunque la si veda, è alterata e “falsata”. E’ evidente la necessità di una risposta, come è lampante che il territorio decisionale non ha più nulla di sportivo, ma è essenzialmente politico. Riflessioni, spunti e punzecchiature sul tema (non solo) sono arrivate da Fabrizio Biasin, firma nota di Libero, che abbiamo avuto il piacere di intervistare per OA Sport.

Loading...
Loading...

Di seguito l’intervista:

VIDEO-INTERVISTA A FABRIZIO BIASIN

 

CLICCA QUI PER TUTTE LE NOTIZIE DI CALCIO

giandomenico.tiseo@oasport.it

Twitter: @Giandomatrix

Clicca qui per seguire OA Sport su Instagram
Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Foto: LaPresse 

Loading...

Lascia un commento

scroll to top