Show Player

Lotta: il CIO approva e conferma il sistema di qualificazione olimpica proposto dalla UWW



Il comitato esecutivo del CIO ha ufficialmente approvato il sistema di qualificazione della lotta per i Giochi Olimpici di Tokyo 2020 (rinviati al 2021 causa coronavirus). La UWW è una delle prime federazioni internazionali capaci di aggiornare il sistema di qualificazione in seguito all’esplosione dell’emergenza legata al Covid-19 e al conseguente slittamento di un anno delle Olimpiadi nipponiche, che si dovrebbero svolgere dal 23 luglio all’8 agosto 2021.

Approvata la scelta di confermare le sedi e le date (posticipate di 12 mesi) dei rimanenti eventi di qualificazione olimpica, l’unica vera novità riguarda l’eleggibilità degli atleti per i Giochi. Saranno ammessi agli eventi di qualificazione ed eventualmente alle Olimpiadi tutti i lottatori classe 2003, che compiranno 18 anni nel corso dell’anno solare 2021. Per quanto riguarda la Nazionale italiana, i due appuntamenti chiave si svolgeranno a Budapest (qualificazioni europee a marzo 2021) e a Sofia (qualificazioni globali ad aprile 2021) per provare a strappare il maggior numero possibile di pass. Al momento, l’unico azzurro certo di gareggiare a Tokyo è Frank Chamizo, vice-campione iridato in carica nei -74 kg stile libero.

Loading...
Loading...

erik.nicolaysen@oasport.it

Clicca qui per seguire OA Sport su Instagram
Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Foto: Fijlkam

Loading...

Lascia un commento

scroll to top