Giro d’Italia virtuale 2020, l’Astana vince la prima tappa: Lutsenko e Martinelli battono l’Italia di Viviani e Zoccarato

Oggi è incominciato il Giro d’Italia 2020 virtuale, la Corsa Rosa “vera” non si può disputare in questo momento a causa dell’emergenza sanitaria e dunque gli organizzatori di RCS Sport hanno deciso di mettere in piedi questo evento a cui partecipano tantissimi big del ciclismo internazionale, pronti a darsi battaglia sui rulli a casa utilizzando le moderne tecnologie. Oggi ci si è cimentati sui 32 km finali della San Salvo-Tortoreto (percorso molto mosso), a trionfare è stata l’Astana Pro Team che ha così conquistato la prima maglia rosa (la classifica generale è a squadre, non è prevista una graduatoria individuale). Alexey Lutsenko ha timbrato il miglior tempo assoluto (44’41”) e, in coppia col giovane Davide Martinelli, ha chiuso la frazione col crono complessivo di 1h35:04.

La coppia del team kazako ora ha ben 6’46” di vantaggio sulla Nazionale Italiana, oggi affidata a Elia Viviani e all’under 23 Samuele Zoccarato mentre in terza piazza si trova la Bahrain McLaren di Fred Wright e Grega Bole a 9’40”. Al femminile, invece, successo della Trek-Segafredo (2h10:04) con Elisa Longo Borghini (1h01:02, migliore di giornata) e Lizzie Deignan che hanno così preceduto la Nazionale Italiana (Maria Giulia Confalonieri e Arianna Fidanza) di 4’18”. I professionisti torneranno sui rulli martedì prossimo per la seconda tappa di questo Giro Virtuale, domani toccherà alle leggende del passato cimentarsi con la prima frazione. Di seguito le dichiarazioni rilasciate da alcuni protagonisti tramite comunicato stampa.

Renato Di RoccoPresidente della Federazione Ciclistica Italiana ha dichiarato: “È una grande soddisfazione constatare quanto il ciclismo sia sempre più senso di appartenenza e fonte di ispirazione. Soprattutto in un momento così complicato che tutti stiamo vivendo, carico di sfide che il ciclismo è capace di raccogliere. E lo fa in prima linea. Come l’iniziativa di un Giro d’Italia virtuale, lanciata da La Gazzetta dello Sport e RCS Sport dopo il successo della Milano-Sanremo virtuale, racchiude in sé una forte resilienza che ci contraddistingue. Dobbiamo esserne fieri. E la partecipazione della Nazionale, sia uomini anche U23, che donne, a questa iniziativa, il cui scopo benefico rende ancor più onore al nostro sport, è inoltre una forte dichiarazione del senso di appartenenza non solo alla Maglia Azzurra, ma ad una squadra ancora più ampia: quella del ciclismo. Una Squadra che è composta da atleti, addetti ai lavori e tifosi. Facciamo Squadra. Oggi più che mai. Perché solo così possiamo vincere. In attesa del Giro d’Italia che attraversi il nostro Paese per rendere omaggio alle sue meraviglie e che sarà, indiscutibilmente, il simbolo della rinascita”.

Mauro Vegni, Direttore del Giro d’Italia ha detto: “In attesa di sapere quando e come poter riportare la nostra amata corsa sulle strade italiane, abbiamo pensato che sia per i corridori che per tutti gli appassionati potesse essere interessante un Giro d’Italia Virtuale da poter pedalare da casa. Abbiamo scelto queste sette tappe che hanno aspetti tecnici misti per soddisfare le differenti caratteristiche. La tappa 10 con l’arrivo di Tortoreto, il percorso mosso della Nove Colli, il finale di San Daniele del Friuli da finisseur, gli arrivi in salita di Madonna di Campiglio e di Sestriere, con circa 1000 metri di dislivello negli ultimi 30 km per finire con i 15,7 km della cronometro di Milano (tappa completa). Un assaggio della Corsa Rosa che sarà”. 

Il Campione Europeo Elia Viviani, che ha pedalato oggi per la Nazionale Italiana ha sottolineato come: “Sicuramente l’iniziativa è ottima. In un periodo così è giusto trovare nuove vie perché il ciclismo possa dare qualcosa ai suoi fan e possa anche fare del bene attraverso le donazioni a favore della Croce Rossa che sono legate a questo Giro d’Italia virtuale. Come atleta dico anche che sono contento di partecipare. È uno sforzo importante da gestire, una vera e propria simulazione con salite vere tipo quelle della tappa che su cui ho pedalato oggi. Invito tutti a partecipare perché è un’esperienza”.

 

CLICCA QUI PER TUTTE LE NOTIZIE DI CICLISMO

stefano.villa@oasport.it

Clicca qui per seguire OA Sport su Instagram
Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Foto: ufficio stampa Cofidis

Leggi tutte le notizie di oggi su OA Sport

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Rugby, le giovani terze linee dell’Italia da seguire. Da Polledri a Cannone, ecco il futuro azzurro

F1, arriva la novità del BOP? Come potrebbe funzionare: svantaggi aerodinamici per chi vince