Ciclismo, la settimana perfetta di Davide Rebellin. Amstel, Freccia Vallone e Liegi-Bastogne-Liegi: la memorabile tripletta del 2004

Una settimana da sogno. Nel 2004, anno magico per lui, Davide Rebellin ha fatto esplodere di gioia il pubblico italiano trovando una tripletta clamorosa: il primo nella storia (a succederlo poi Philippe Gilbert nel 2011) a conquistare tutte le Classiche delle Ardenne. Prima l’Amstel Gold Race, poi la Freccia Vallone ed infine la Decana, la Liegi-Bastogne-Liegi, in rapida successione.

In Olanda una facilità impressionante per l’azzurro: l’arrivo di Valkenburg è stato sempre uno dei preferiti per l’allora capitano della Gerolsteiner che si è attaccato alla ruota del padrone di casa Michael Boogerd, facendo fare a lui il ritmo nelle fasi finali del Cauberg, lo strappo più insidioso, salvo poi saltarlo con uno strepitoso sprint finale negli ultimi 100 metri.

Solamente tre giorni dopo, il viaggio in Belgio, e un altro trionfo, alla Freccia. Un connazionale questa volta a sfidarlo: Danilo Di Luca (Saeco), che lancia l’attacco sulle aspre pendenze del Mur de Huy, ma deve arrendersi allo strapotere, ancora una volta negli ultimi 100 metri, di un Rebellin in stato di grazia. 

Favori del pronostico ovviamente per la corsa più importante, la Liegi. Nonostante la pressione Rebellin ha disputato una gara eccezionale, facendosi trovare pronto sempre nei momenti giusti: si è inserito nell’attacco decisivo, quello lanciato da Alexandre Vinokourov e Michael Boogerd, andandosi a giocare così il successo ad Ans. Ancora una volta scontro diretto con l’olandese e ancora una volta sprint finale che ha dato ragione all’azzurro, a concludere un tris storico. 

gianluca.bruno@oasport.it

Clicca qui per seguire OA Sport su Instagram
Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Foto:By Les Meloures at lb.wikipedia, CC BY-SA 3.0 lu, Link

Leggi tutte le notizie di oggi su OA Sport

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Basket, Djordjevic: “Massimo rispetto per le decisioni degli enti superiori. Spero che finita la pandemia saremo tutti più buoni”

Ciclismo, Egan Bernal mette all’asta maglie e bici del Tour de France 2019