Basket, coronavirus e cancellazioni: la situazione delle Coppe Europee e dei principali Campionati stranieri

La pandemia di coronavirus ha completamente stravolto il 2020 dello sport. Non fa eccezione il basket, fermo ormai da più di un mese e disciplina che può essere considerata maggiore fonte di rischio rispetto ad altre perché basata su contatti fisici continuati e perché praticata in un palazzetto chiuso. Andando ad analizzare la situazione in Europa, emerge un quadro piuttosto variegato, dal momento che gli organizzatori delle coppe europee e le varie leghe nazionali hanno preso finora decisioni contrastanti. Proviamo a mettere ordine.

Partiamo dalle coppe europee. L’Euroleague Basketball, organizzatrice di Eurolega ed EuroCup, ha fatto sapere nei giorni scorsi che l’intenzione condivisa è quella di portare a termine la stagione e di decretare un vincitore per ognuna delle due competizioni. Al momento non si conoscono né le tempistiche né le modalità attraverso cui si vorrebbe dare un seguito all’annata 2019-2020, ma ci sono diverse opzioni al vaglio del comitato esecutivo. Ricordiamo che le squadre italiane impegnate in queste due manifestazioni sono tre: Olimpia Milano in Eurolega, Virtus Bologna e Umana Reyer Venezia in EuroCup (qualificate ai quarti di finale).

La FIBA Europe, invece, ha agito in modo differente: la Basketball Champions League si concluderà con una Final Eight in sede unica (da stabilire), che verrà disputata, Covid-19 permettendo, tra il 30 settembre e il 4 ottobre. Per quanto riguarda la FIBA Europe Cup, quarta competizione europea, l’idea è quella di assegnare il titolo attraverso una Final Four tra la fine di settembre e l’inizio di ottobre, ma non c’è ancora nulla di ufficiale. In queste due manifestazioni non c’è alcuna squadra italiana ancora in corsa: la Dinamo Sassari, ultima reduce della Champions League, è stata infatti eliminata agli ottavi di finale per mano del San Pablo Burgos.

Passiamo ora ai campionati nazionali. Lo scorso 7 aprile la FIP ha comunicato in via ufficiale la chiusura definitiva della Serie A 2019-2020, ponendo la parola fine a ogni residuo spiraglio di una continuazione: per la prima volta nella storia del massimo torneo italiano lo scudetto non sarà assegnato, mentre si attendono sviluppi riguardo alle squadre che riceveranno i pass per le competizioni europee del prossimo anno. Per quanto concerne gli altri campionati europei, la Liga ACB è stata recentemente sospesa a tempo indeterminato, mentre in Germania e in Francia resta viva la volontà di portare a termine la stagione. Sono numerose le leghe nazionali che hanno già annunciato la chiusura anticipata del campionato, alcune delle quali hanno scelto di assegnare comunque il titolo: stiamo parlando di Lituania (Zalgiris Kaunas), Ucraina (Dnipro), Belgio (Oostende) e Polonia (Zielona Gora).

CLICCA QUI PER TUTTE LE NEWS SUL BASKET

antonio.lucia@oasport.it

Clicca qui per seguire OA Sport su Instagram
Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Foto: Olimpia Milano

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

MotoGP virtuale, Francesco Bagnaia festeggia la vittoria: “Ci siamo divertiti, che battaglia con Vinales”

VIDEO Simone Biles lancia la handstand challenge: bisogna togliersi i pantaloni restando in verticale! Una nuova sfida, ci riuscite?