Show Player

Sci alpino, Federica Brignone si gioca la Coppa del Mondo in slalom. L’azzurra obbligata a far bene tra i rapid gates



La Coppa del Mondo femminile di sci alpino si prenderà un fine settimana di pausa e tornerà solamente il 12 marzo con lo slalom parallelo di Are. Uno stop non voluto, ma forzato dalla mancanza di neve ad Ofterschwang, con il weekend tedesco che è stato cancellato definitivamente. Federica Brignone, così, si trova in testa alla classifica con sole sette gare alla fine, ma difendere il pettorale rosso dall’assalto di Mikaela Shiffrin (ritorna ad Are?) e Petra Vlhova sarà molto difficile.

Brigone attualmente ha 1378 contro i 1225 dell’americana e i 1189 della slovacca. Un vantaggio sicuramente buono, ma non rassicurante visto che mancano due slalom e uno slalom parallelo. Sono queste le tre gare che spaventano maggiormente la valdostana, che è obbligata a difendersi e fare punti importanti. Tra i rapid gates sia ad Are sia a Cortina per Federica è necessario raggiungere almeno la top-10 e non è un’impresa impossibile visto il livello medio/basso che c’è attualmente in Coppa del Mondo. Discorso diverso per lo slalom parallelo di Are, dove servirà anche un po’ di fortuna in una disciplina che regala sempre sorprese.

Loading...
Loading...

Shiffrin e Vlhova potrebbero anche togliersi punti importanti a vicenda e sicuramente avranno un po’ di pressione nel dover praticamente vincere per forza. Per Brignone diventano fondamentali tutte le altre gare in programma ed in queste l’azzurra può anche guadagnare punti. Il gigante di Are è già un crocevia importantissimo, anche per la classifica di specialità (l’azzurra è in testa) e Federica deve puntare alla vittoria, sperando poi nell’aiuto di qualche avversaria, in particolare quella Marta Bassino che potrebbe inserirsi davanti alle rivali della compagna di squadra.

Certo non mancano le incognite e le incertezze su questo finale di stagione. La prima è senza dubbio il ritorno di Shiffrin, sul quale non si sono al momento notizie ufficiali. Il rientro ad Are è una possibilità, ma, se dovessero essere cancellate le Finali di Cortina, difficilmente la nativa di Vail sarebbe al cancelletto di partenza in Svezia, lasciando dunque il ruolo di prima avversaria di Brignone e di principale favorita a Petra Vlhova.
Si è detto di una cancellazione di Cortina ed ecco il secondo grande dilemma. Il Coronavirus sta mettendo in ginocchio lo sport mondiale e c’è il fortissimo rischio della totale cancellazione dell’intera settimana italiana. Difficilmente le Finali potrebbero essere recuperate da un’altra parte, mettendo fine alla stagione la prossima settimana. Venerdì arriverà l’ufficialità sullo svolgimento o sulla cancellazione, con la lotta per la Coppa del Mondo che ormai dipende da questa decisione.

 

CLICCA QUI PER TUTTE LE NOTIZIE DI SCI ALPINO

andrea.ziglio@oasport.it

Clicca qui per seguire OA Sport su Instagram
Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Foto: LaPresse

Loading...

Lascia un commento

scroll to top