Scacchi, Torneo dei Candidati 2020: Ding Liren alla riscossa, Caruana sconfitto. Nepomniachtchi, Vachier-Lagrave e Wang Hao in testa

Se qualcuno aveva già pensato di dare già per finito Ding Liren, dopo la giornata di oggi deve rivedere tutte le proprie previsioni. Il Torneo dei Candidati 2020 di scacchi è più che mai aperto alla vigilia della prima giornata di riposo, e lo è ancor di più alla luce del successo del cinese su Fabiano Caruana. L’italoamericano continua a dimostrare di soffrire parecchio il suo avversario odierno, con il quale perde per la terza volta a cadenza classica. Dopo la giornata odierna, il gruppo dei leader si riduce a tre sugli otto partecipanti: il russo Ian Nepomniachtchi, il francese Maxime Vachier-Lagrave e il cinese Wang Hao.

Veniamo ora a Ding Liren-Caruana, la partita di cui più di tutte si parlerà anche domani, primo dei quattro giorni di riposo previsti nel programma. Entrati nella variante della difesa Slava con 5. a4 Af5, i due si sono portati all’interno di una continuazione già giocata un paio di volte dal cinese. Caruana ha provato a uscire dai sentieri battuti dalla teoria alla nona mossa, e presto è arrivato a corrispondere il sacrificio di due pedoni per un tentativo di iniziativa e anche per cercare di attirare il Re del Bianco verso il centro. Ding Liren, però, si è difeso molto bene, mandando presto fuori dalla propria zona di confort l’italoamericano, che con il cinese non ha mai vinto a cadenza classica. Lentamente, ma inesorabilmente, Caruana si è trovato non solo con una scarsa mobilità dei pezzi, ma anche con la qualità netta (un Alfiere) in meno. Andato avanti più che altro per cocciutaggine fino alla 59a mossa, il Nero ha abbandonato.

Tutte patte le altre tre partite, ma chi può avere dei ragionevoli rimpianti è Ian Nepomniachtchi, che non è riuscito a sfruttare un vantaggio significativo nel derby russo con Kirill Alekseenko. Con il Nero, “Nepo” ha sfoderato l’iconica variante Winawer della Difesa Francese, per poi giocare una continuazione non molto popolare ad alti livelli. Con una posizione abbastanza chiusa, verso il trentesimo tratto il Nero è riuscito a fare buon uso di un Alfiere piazzato nel cuore della struttura pedonale del Bianco, ma un’incauta spinta di pedone in a5 al 32° tratto con successivo scambio ha messo l’incontro sui binari della parità, poi siglata. Da sottolineare che già in precedenza Nepomniachtchi aveva commesso un errore, alla 25a mossa, con una spinta in g6 della quale Alekseenko non ha visto il potenziale del sacrificio di Alfiere proprio in quella stessa casa, che gli avrebbe dato un attacco particolarmente forte in mano.

Poca voglia di combattere, e molta di pattare, per l’olandese Anish Giri e Vachier-Lagrave, che dopo aver fatto comparire sulla scacchiera un’Indiana di Re trasformatasi in un attimo in Difesa Grunfeld, si sono infilati su una strada che ha portato alla triplice ripetizione di posizione e alla patta al 30° tratto. Più interessante il discorso relativo all’altro russo Alexander Grischuk e al cinese Wang Hao, già protagonisti di una scelta non del tutto usuale in apertura con la Difesa Russa scelta dal Nero. Grischuk si è trovato a lungo con l’iniziativa in proprio favore, ma Wang Hao si è riuscito a difendere bene, ottenendo di arrivare in un finale di Torri patto, sebbene da maneggiare con una certa cura. Come accennato, domani ci sarà il primo giorno di riposo, si riprenderà nella giornata di sabato.

LE PARTITE

RISULTATI TERZO TURNO

Ding Liren (CHN)-Caruana (USA) 1-0
Giri (NED)-Vachier-Lagrave (FRA) 0.5-0.5
Grischuk (RUS)-Wang Hao (CHN) 0.5-0.5
Alekseenko (RUS)-Nepomniachtchi (RUS) 0.5-0.5

CLASSIFICA DOPO IL TERZO TURNO

1 Wang Hao, Nepomniachtchi, Vachier-Lagrave 2
3 Caruana, Grischuk 1.5
7. Ding Liren, Giri, Alekseenko 1

QUARTO TURNO

SABATO 21 MARZO
Caruana – Alekseenko
Nepomniachtchi – Grischuk
Wang Hao – Giri
Vachier-Lagrave – Ding Liren

federico.rossini@oasport.it

Clicca qui per seguire OA Sport su Instagram
Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Foto: Maria Emelianova / FIDE

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Giovanni Valetti, l’ultimo vincitore del Giro d’Italia prima dell’avvento di Coppi, Bartali…e della Guerra

Coronavirus è nell’aria? Ipotesi che possa venire inalato anche sul balcone di casa. Verità o bufala? Burioni: “Non ci credo”