Scacchi, Torneo dei Candidati 2020: Caruana patta con Vachier-Lagrave, Wang Hao sorprende Ding Liren. Ok Nepomniachtchi

L’hanno definito, in un certo senso e giustamente, “l’ultimo dei mohicani”, il solo grande evento di rilevanza internazionale rimasto in piedi nella valanga di annullamenti e rinvii per coronavirus COVID-19: è cominciato oggi il Torneo dei Candidati di scacchi a Ekaterinburg, in Russia. Sono in otto a sfidarsi per guadagnarsi il diritto di sfidare, tra qualche mese, il norvegese Magnus Carlsen nel match per il Campionato del Mondo.

Sono due le partite che non terminano con l’equa divisione del punto. La più clamorosa sorpresa del giorno la regala, nel derby cinese, Wang Hao, che con il Nero riesce a sconfiggere Ding Liren. In verità, bisogna anche dire che il numero 3 del mondo ha commesso un errore fatale alla trentesima mossa, con una spinta incauta di pedone f, e alla quarantesima, giocando con la Torre sbagliata e rimanendo con uno svantaggio soprattutto posizionale, stante la fortissima coppia di pedoni sul lato di Re del Nero. L’abbandono di Ding Liren è arrivato dopo 45 mosse.

Vittoria anche per il russo Ian Nepomniachtchi, anche lui con il Nero, capace di piegare la resistenza dell’olandese Anish Giri in 73 tratti e di assicurare in ogni caso una certezza al torneo: non ci saranno di nuovo 14 patte di Giri su altrettanti turni di gioco. In quest’occasione Nepomniachtchi ha fatto breccia dopo aver risposto, in apertura, con la variante simmetrica dell’Apertura Inglese. Primo punto di svolta proprio in uscita dalla fase iniziale, in cui Giri è risultato troppo lento e ha concesso attacco e spazio al Nero. Dopo un temporaneo riequilibrarsi della situazione, i due sono entrati in un finale di Torre e Alfiere contro Donna favorevole al Nero, e infatti Nepomniachtchi è riuscito a ben destreggiarsi anche quando la situazione si è trasformata in Torre contro Donna. Questo genere di finale è notoriamente non semplice, non per forza vinto e se trattato male può portare a esiti disastrosi. Il russo, però, ha ben utilizzato il pezzo più potente sulla scacchiera, servendosene per forzare la promozione del pedone della colonna e. Vista la mala, Giri ha abbandonato.

Patta, invece, per Fabiano Caruana: l’italoamericano, opposto al francese Maxime Vachier-Lagrave, con il Nero gioca una delle sue varianti preferite della Spagnola con l’arrocco corto alla quinta mossa, ma ne esce una partita del tutto bloccata che conduce alla patta in 44 tratti. Mezzo punto a testa anche per i russi Alexander Grischuk e Kirill Alekseenko in un incontro quantomeno curioso per come si evolve: Grischuk arriva con qualche minuto di ritardo alla scacchiera, poi i due procedono con una lentezza spaventosa per le prime venti mosse, ritrovandosi con meno di dieci minuti sull’orologio a testa per le altre venti. Il numero 4 del mondo, nonostante abbia l’iniziativa, rimanendo a corto di tempo non trova la via della vittoria, facendosi fermare dallo scacco perpetuo di Alekseenko, una situazione perfettamente equiparata alla ripetizione di mosse, giacché lo è sotto altre spoglie.

Domani il secondo turno metterà subito di fronte Giri e soprattutto Ding Liren a uno spartiacque importante, con la necessità di fare almeno mezzo punto per non avere già da subito un handicap pesantissimo.

LE PARTITE

RISULTATI PRIMO TURNO

Vachier Lagrave (FRA)-Caruana (USA) 0.5-0.5
Ding Liren (CHN)-Wang Hao (CHN) 0-1
Giri (NED)-Nepomniachtchi (RUS) 0-1
Grischuk (RUS)-Alekseenko (RUS) 0.5-0.5

CLASSIFICA DOPO IL PRIMO TURNO

1 Wang Hao, Nepomniachtchi 1
3 Caruana, Vachier-Lagrave, Grischuk, Alekseenko 0.5
7. Ding Liren, Giri 0

SECONDO TURNO

Caruana – Alekseenko
Nepomniachtchi – Grischuk
Wang Hao – Giri
Vachier-Lagrave – Ding Liren

federico.rossini@oasport.it

Clicca qui per seguire OA Sport su Instagram
Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Foto: Bart Lenoir / Shutterstock.com

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Vela, Coppa America 2021: rinviata la tappa di Cagliari delle World Series, si punta al recupero a luglio

F1, è la Ferrari la scuderia più vincente della storia. Primato negli albi d’oro piloti e costruttori: Italia padrona