Pattinaggio artistico, Daniel Grassl sesto dopo lo short ai Mondiali Junior 2020 di Tallinn, Kagiyama al comando

Buona partenza per Daniel Grassl ai Campionati Mondiali Junior 2020 di pattinaggio artistico, in scena questa settimana presso la Tondiraba lce Hall DI Tallinn, in Estonia. L’azzurro ha infatti conquistato la sesta posizione dopo lo short program convincendo pubblico e giuria con una performance senza sbavature di rilievo. In un segmento vincolato secondo il regolamento dalla possibilità di inserire i salti quadrupli, dunque incentrato sulla qualità degli elementi e sulle componenti del programma, il diciassettenne azzurro ha confezionato una prestazione incoraggiante, gettando ottime basi per l’attacco al podio nel programma libero.

L’altoatesino ha inaugurato la prova, interpretata sul “Requiem Lacrimosa” di Mozart, atterrando come primo elemento un pregevole triplo axel, proseguendo poi con il triplo rittberger e con la combinazione triplo lutz/triplo toeloop, entrambi ben eseguiti anche se valutati con un grado di esecuzione non particolarmente elevato, stessa sorte capitata con la trottola flying sit, chiamata di livello quattro come nel caso della cambio di piede combinata e della cambio di piede camel. Raccogliendo inoltre livello 3 nella sequenza di passi l’allievo di Lorenzo Magri ha guadagnato quindi il punteggio di 78.91 (43.06, 35.85), ponendosi a soli 2.59 punti di distanza dal terzo posto, momentaneamente occupato dallo statunitense Andrew Torgashev con 81.50 (42.78, 38,72).

Al comando della classifica si è posizionato il favorito della gara, il nipponico Yuma Kagiyama, autore di una performance di alto livello impreziosita da elementi di salto di grandissima caratura; ottimi in questo senso il triplo axel e il triplo rittberger, snocciolati con difficili passi in entrata e in uscita, velocità e leggerezza; depotenziata del suo valore di base invece la combinazione triplo lutz/triplo toeloop a causa della chiamata di filo di entrata non chiaro da parte del pannello tecnico. Facendo il pieno nel GOE nelle trottole e nella sequenza di passi il pattinatore del Sol Levante ha ricevuto una valutazione di 85.82 (46.93, 38.89), appena una lunghezza in più del russo Andrei Mozalev, momentaneamente secondo con 84.31(42.78, 38,72). Non saranno tuttavia da sottovalutare nel libero il padrone di casa Aleksandr Selevko e il giapponese Shun Sato, rispettivamente quarto e quinto con 80.87 (43.12, 37.75) e 79.30 (42.64, 36.66).

Da menzionare infine l’ottima undicesima posizione provvisoria ottenuta da Gabriele Frangipani che, malgrado un arrivo incerto nel triplo axel, ha ruotato senza particolari patemi sia il triplo rittberger che il il triplo lutz combinato con il triplo toeloop conquistando 75.05 (40.27, 34.58) punti e tenendo aperta la pratica per un piazzamento in top 10.

CLASSIFICA SHORT PROGRAM JUNIOR INDIVIDUALE MASCHILE

FPl. Name Nation Points SP FS
1 Yuma KAGIYAMA
JPN
85.82 1
2 Andrei MOZALEV
RUS
84.31 2
3 Andrew TORGASHEV
USA
81.50 3
4 Aleksandr SELEVKO
EST
80.87 4
5 Shun SATO
JPN
79.30 5
6 Daniel GRASSL
ITA
78.91 6
7 Ilya YABLOKOV
RUS
77.53 7
8 Joseph PHAN
CAN
77.50 8
9 Petr GUMENNIK
RUS
76.07 9
10 Maxim NAUMOV
USA
75.20 10
11 Gabriele FRANGIPANI
ITA
75.05 11
12 Adam SIAO HIM FA
FRA
74.61 12
13 Ilia MALININ
USA
74.02 13
14 Nikolaj MAJOROV
SWE
72.49 14
15 Sihyeong LEE
KOR
71.61 15
16 Ivan SHMURATKO
UKR
68.76 16
17 Denis GURDZHI
GER
67.81 17
18 Stephen GOGOLEV
CAN
67.27 18
19 Alexander LEBEDEV
BLR
66.12 19
20 Basar OKTAR
TUR
61.91 20
21 Filip SCERBA
CZE
59.86 21
22 Nika EGADZE
GEO
58.22 22
23 Mark GORODNITSKY
ISR
57.96 23
24 Mikhail SHAIDOROV
KAZ
56.37 24
Final Not Reached
25 Luc MAIERHOFER
AUT
55.22 25
26 Edward APPLEBY
GBR
54.56 26
27 Fang-Yi LIN
TPE
51.91 27
28 Darian KAPTICH
AUS
49.48 28
29 Kornel WITKOWSKI
POL
47.56 29
30 Pablo GARCIA
ESP
43.29 30
31 Noah BODENSTEIN
SUI
43.21 31
32 Charles Henry KATANOVIC
CRO
42.81 32
33 Adam HAGARA
SVK
41.90 33
34 Lauri LANKILA
FIN
41.69 34
WD Alexander ZLATKOV
BUL

Clicca qui per seguire OA Sport su Instagram
Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Foto: LaPresse

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Wta Lione 2020: Camila Giorgi batte Alize Cornet in tre set e vola ai quarti di finale

Sci di fondo, Coppa del Mondo Konnerud 2020: Johannes Klaebo vince la sprint, 14° Federico Pellegrino