Pattinaggio artistico, Daniel Grassl quarto ai Mondiali Junior 2020, Andrei Mozalev conquista l’oro

Arriva un altro quarto posto per Daniel Grassl. Dopo la rassegna continentale di Graz infatti l’altoatesino si è posizionato nuovamente a ridosso del podio ai Campionati Mondiali Junior 2020 di pattinaggio artistico, quest’anno in scena presso la Tondiraba Ice Hall di Tallinn, in Estonia. Un risultato leggermente amaro per l’azzurro, soprattutto per come si è svolto il segmento di gara più lungo, viziato da diverse imprecisioni dalla maggior parte dei concorrenti. 

Il diciassettenne nativo di Merano, nonostante una prova all’apparenza molto pulita macchiata esclusivamente da un quadruplo flip atterrato con una mano sul ghiaccio, ha pagato dazio nelle rotazioni degli elementi di salto più importanti, precisamente nel quadruplo lutz, nel già citato quadruplo flip e nel triplo axel. Pattinando senza problemi le restanti difficoltà del layout, quindi le tre combinazioni triplo lutz/triplo toeloop, triplo flip/triplo toeloop e triplo rittberger/euler/triplo salchow, oltre che il triplo lutz singolo, l’allievo di Lorenzo Magri ha guadagnato 150.47 (77.97, 72.50) per un totale di 229.38, appena due punti in meno del terzo classificato Petr Gumennik, artefice con 155.05 (80.35, 74.70) per 231.12 di una super rimonta dalla nona piazza grazie a una performance caratterizzata dal triplo axel e dalle buone combinazioni quadruplo salchow/doppio toeloop e triplo lutz/triplo toeloop/doppio rittberger.

La medaglia d’oro è andata invece al russo Andrei Mozalev, secondo dopo lo short, unico del lotto ad aver realizzato un programma senza sbavature di rilievo ornato da due quadrupli toeloop, di cui uno agganciato con il doppio toeloop, e due tripli axel, uno singolo e l’altro combinato con il doppio toeloop. Ottenendo, seppur in maniera onestamente discutibile, il miglior riscontro anche sulle componenti del programma l’atleta allenato da Kirill Davydenko ha ritoccato il suo record personale ricevendo una valutazione di 160.78 (82.22, 78.56) per 245.09, superando nettamente il grande favorito della vigilia, il nipponico Yuma Kagiyama, rimasto attardato al posto d’onore per via di una caduta nel quadruplo toeloop e per due problemi nell’axel, eseguito triplo ma sottoruotato nel primo caso e solo da un giro e mezzo nel secondo, senza dimenticare una chiamata di filo non chiaro nel triplo lutz.

Grande balzo in avanti infine per Gabriele Frangipani, il quale posizionandosi al quattordicesimo posto con 123.36 (57.66, 66.80) per 198.41 ha migliorato le sue prestazioni rispetto alla ventitreesima casella dello scorso anno. Un ulteriore step che conferma il grande momento di crescita del vivaio azzurro.

CLASSIFICA FINALE JUNIOR INDIVIDUALE MASCHILE

FPl. Name Nation Points SP FS
1 Andrei MOZALEV
RUS
245.09 2 1
2 Yuma KAGIYAMA
JPN
231.75 1 5
3 Petr GUMENNIK
RUS
231.12 9 2
4 Daniel GRASSL
ITA
229.38 6 3
5 Maxim NAUMOV
USA
225.10 10 4
6 Shun SATO
JPN
221.62 5 6
7 Adam SIAO HIM FA
FRA
213.89 12 7
8 Andrew TORGASHEV
USA
208.95 3 11
9 Aleksandr SELEVKO
EST
207.00 4 13
10 Ilya YABLOKOV
RUS
206.16 7 10
11 Sihyeong LEE
KOR
201.49 15 8
12 Joseph PHAN
CAN
201.24 8 15
13 Nikolaj MAJOROV
SWE
199.85 14 12
14 Gabriele FRANGIPANI
ITA
198.41 11 16
15 Ivan SHMURATKO
UKR
197.40 16 9
16 Ilia MALININ
USA
195.97 13 18
17 Stephen GOGOLEV
CAN
191.45 18 14
18 Nika EGADZE
GEO
180.66 22 17
19 Basar OKTAR
TUR
180.37 20 19
20 Denis GURDZHI
GER
178.08 17 21
21 Mark GORODNITSKY
ISR
168.90 23 20
22 Mikhail SHAIDOROV
KAZ
164.09 24 22
23 Alexander LEBEDEV
BLR
163.40 19 23
24 Filip SCERBA
CZE
146.97 21 24
Final Not Reached
25 Luc MAIERHOFER
AUT
55.22 25
26 Edward APPLEBY
GBR
54.56 26
27 Fang-Yi LIN
TPE
51.91 27
28 Darian KAPTICH
AUS
49.48 28
29 Kornel WITKOWSKI
POL
47.56 29
30 Pablo GARCIA
ESP
43.29 30
31 Noah BODENSTEIN
SUI
43.21 31
32 Charles Henry KATANOVIC
CRO
42.81 32
33 Adam HAGARA
SVK
41.90 33
34 Lauri LANKILA
FIN
41.69 34
WD Alexander ZLATKOV
BUL

Clicca qui per seguire OA Sport su Instagram
Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Foto: Valerio Origo

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Hockey ghiaccio, EBEL 2020: Bolzano espugna il campo dello Znojmo e si porta sul 2-0 nella serie

Parigi-Nizza 2020: tutti gli italiani in gara. Ghiotta occasione per Vincenzo Nibali ed Elia Viviani