Emergenza coronavirus: neonati e bambini sono immuni al Covid-19? Pochi casi in Italia: lo studio di Pediatrics

In Italia ci sono circa 300 bambini malati di coronavirus ma non ci sono vittime e casi gravi. A comunicarlo è stato Alberto Villani, Presidente della Società Italiana Pediatria, durante la Conferenza Stampa della Protezione Civile che si è svolta nella giornata di ieri: “Questo deve rasserenare genitori e nonni, devono sapere che il Covid-19 non è un problema pediatrico, quando ci sono sintomi va interpellato il pediatra e con lui stabilire il da farsi“.

Il numero dei contagi e dei morti in Italia è in crescita costante ma fortunatamente il numero di malati in tenera età è molto ridotto. Vuol dire che neonati, infanti e adolescenti sono immuni al Covid-19? Assolutamente no, ma diamo uno sguardo allo studio pubblicato sull’autorevole rivista Pediatrics che ha preso in esame 2143 under 18: il 6% si è ammalato gravemente di coronavirus con gravi problemi respiratori; per metà dei bambini l’infezione è stata invece molto lieve con sintomi “classici” come febbre, tosse, affaticamento, congestione delle vie respiratorie, nausea, diarrea; il 39% dei bambini ha presentato polmoniti e/o problemi polmonari ma senza segni di difficoltà respiratorie.

Lo studio, coordinato da Shilu Tong, direttore del dipartimento di Epidemiologia clinica e Biostatistica presso il centro medico pediatrico di Shanghai, ha riscontrato “soltanto” 13 casi critici ovvero a rischio di insufficienza respiratoria (l’incapacità del sistema respiratorio di assicurare un’adeguata ossigenazione del sangue) e di insufficienza d’organo (alterazione della funzione degli organi). “I bambini di tutte le età sembrano suscettibili al Covid 19 – concludono gli autori del lavoro – senza significative differenze di genere. Sebbene le manifestazioni cliniche del nei bambini siano generalmente meno gravi che quelle dei pazienti adulti, i bimbi più piccoli, in particolare i neonati, sono vulnerabili all’infezione”.

CLICCA QUI PER LO STUDIO COMPLETO SU PEDIATRICS

stefano.villa@oasport.it

Clicca qui per seguire OA Sport su Instagram
Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Foto: Lapresse

Leggi tutte le notizie di oggi su OA Sport

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.

TAG:
Coronavirus

ultimo aggiornamento: 20-03-2020


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Storia delle Olimpiadi: Michael Johnson, il record del mondo dei 200 ad Atlanta 1996

Mascherine coronavirus: a cosa servono e perchè non usarle aumenta i contagi