Show Player

Dorothea Wierer: “Eckhoff e Tandrevold hanno provato a danneggiarmi. Convivo col mal di schiena e cucino durante la quarantena”



Dorothea Wierer non ha bisogno di presentazioni. Ha conquistato la seconda sfera di cristallo consecutiva aggiudicandosi la classifica generale del biathlon e lo ha fatto in un momento così particolare per l’Italia, regalando con Federica Brignone e Michela Moioli un tricolore molto roseo negli sport invernali. Celebrata giustamente dopo le due medaglie d’oro e i due argenti conquistati nei Mondiali di biathlon di Anterselva, è riuscita a concludere l’opera, non senza colpi di scena: il marchio di fabbrica di questo sport altamente adrenalinico quanto spettacolare. Dorothea si conferma la regina del biathlon.

La tua seconda sfera di cristallo è arrivata in un contesto surreale, gareggiando a porte chiuse (o quasi) mentre tutti gli altri sport si stavano fermando, con la situazione forse più drammatica nel Nord Italia per via del contagio del Coronavirus. Il messaggio “Andrà tutto bene, vinceremo insieme” era una risposta del peso che ti portavi sulla carabina e in pista per tutti gli italiani che ti seguivano in tv?

Loading...
Loading...

“Per noi è stato stranissimo gareggiare, ero molto preoccupata e spesso sui social leggevo le notizie drammatiche che arrivavano dall’Italia, d’altro canto capisco anche che la Finlandia all’inizio della tappa non era ancora così coinvolta a livello di contagi. Però l’Ibu avrebbe dovuto prendere una soluzione coerente con le altre Federazioni degli sport invernali che avevano deciso di fermarsi. Ci sono momenti in cui lo sport passa in secondo piano”.

Nelle due sprint di Nove Mesto e Kontiolahti però i tre errori commessi hanno riaperto i giochi con Tiril Eckhoff sempre più vicina. L’esperienza dello scorso anno nella sfida con Lisa Vittozzi ha giocato a tuo favore rispetto alla norvegese e alla svedese Oeberg, che hanno avvertito più tensione nei momenti più delicati.

“La situazione era un po’ diversa, perchè Eckhoff era davvero forte sugli sci e solo nell’ultima gara sono riuscita ad avere un tempo nel fondo simile a lei. Dopo i Mondiali ero molto stanca e logorata dagli impegni, questo è stato un vantaggio per loro che arrivano da nazioni più grandi come tradizione, anche perchè ad esempio in Svezia non hanno questo tipo di appuntamenti con i biathleti. Le sette gare in dieci giorni erano state davvero intense, sicuramente ne ho risentito, ma a livello di pressione ci sono abituata. Gli allenatori mi hanno detto di lottare fino alla fine e che nulla era andato perso, nonostante fossi convinta di dover abdicare dopo la sprint di Kontiolahti, perchè partire nell’inseguimento 50 secondi alle spalle di Tiril Eckhoff e poterla battere sembrava davvero un’impresa difficile. Sono partita a tutta fin dal primo giro e rischiando di scoppiare, non ho realizzato di essere con lei nell’anello di penalità dopo il quarto poligono anche perchè ero concentrata sulla mia gara, a testa bassa, senza farmi influenzare. Nell’ultimo giro l’ho vista, insieme abbiamo raggiunto Tandrevold, che è stata avvisata dai tecnici che stavamo arrivando, l’ho intuito dal poco norvegese che conosco. A quel punto Tandrevold ha provato a tagliarmi la strada, i norvegesi sono molto furbi, ma ho capito le mosse nonostante abbiano provato anche a pestarmi gli sci, un atteggiamento che mi ha davvero delusa. Nel biathlon non c’è gioco di squadra e tanto meno si danneggiano le gare degli avversari, ma non mi sono fatta prendere dal nervosismo e ho continuato a fare il mio ritmo. Non ero ancora sicura di aver vinto la Coppa, ho chiesto a dieci persone diverse all’arrivo prima di convincermi di aver conquistato la seconda sfera di cristallo”.

In queste ultime due stagioni sei riuscita ad alzare l’asticella come passo sugli sci. Può essere quella la chiave della tua riconferma, nonostante siano scese leggermente le tue percentuali al tiro in particolare nelle serie in piedi, forse anche dovuto al mal di schiena che hai accusato?

“Sicuramente sì, di conseguenza si sono abbassate le mie percentuali, ma è più legato al fatto che ho sofferto di più le condizioni meteo un po’ strane e difficili da leggere. Il mio tiro è molto rapido, fluido e meno ragionato, anche se in questa stagione sono riuscita a controllare bene i colpi. La schiena si è fatta sentire nelle tappe di inizio a gennaio ma credo che sul tiro incida di più il punto di vista mentale e di condizione. Quando sono un po’ più stanca e meno reattiva tendo a mancare più bersagli”.

E’ ancora nitido il ricordo del doppio oro ottenuto ad Anterselva, dove hai chiuso la rassegna di casa con due titoli iridati e due argenti, trovando forse il picco di condizione nell’appuntamento principale della stagione, cosa inedita per te. Ti sei dovuta arrendere solo allo strapotere di Marte Olsbu Roiseland che aveva preparato specificatamente l’appuntamento durante tutta la stagione. Pensi sia lei ora la donna da battere per il futuro per la classifica generale, oltre alle atlete che abbiamo già citato in precedenza?

“E’ un’atleta molto forte, non c’erano garanzie che potesse arrivare al top per i Mondiali avendo saltato una sola tappa a dicembre, ci vuole anche un po’ di fortuna come in generale in questo sport, ma ha fatto davvero la scelta giusta e sono molto contenta per lei perchè è molto simpatica, sempre sorridente. Non è invidiosa, è molto tranquilla, sarà una favorita per la classifica generale dell’anno prossimo. Sulla mia condizione devo dire che sono anche maturata e riesco a gestire meglio il mio tempo a livelli di impegni, perchè prima di ogni evento ho sempre fotoshooting e appuntamenti con lo sponsor che condizionano anche l’avvicinamento all’appuntamento così importante. Non deve essere sottovalutato questo aspetto…”.

Infatti durante la preparazione avevi dichiarato di non sentirti al top, in parte a causa dei problemi alla schiena e dall’altro per i numerosi appuntamenti in eventi legati agli sponsor, eppure sembrerebbe che tu abbia trovato un compromesso per gestire entrambi nel migliore dei modi.

“Ho iniziato un po’ più tardi rispetto ai miei compagni, nonostante fossi già presente nel primo raduno, dovevo andare comunque a Milano e fare interviste e quindi durante l’estate ero stanchissima, anche perchè alla fine dei conti ho fatto ancora più ore della passata stagione e quindi sono arrivata a settembre in condizioni difficili. Per di più è emersa anche quest’ernia alla schiena che mi ha tolto tante energie nervose perchè da atleta ci pensi in continuazione, ti ascolti ogni volta che ti alzi la mattina e ad ogni movimento accusavo dolore. A settembre quindi ho rallentato leggermente con l’allenamento, da ottobre ho cancellato tutti gli impegni e mi sono sentita sicuramente meglio. Anche Lukas Hofer ora soffre di problemi alla schiena, ognuno chiaramente percepisce il dolore a modo suo, però per me è importante conviverci perchè ogni tanto sento delle fitte e bisogna accettare come se fosse parte di te e del tuo corpo. In autunno ero molto sensibile a questo problema”.

Neppure il polverone legato alle dichiarazioni di Lisa alla vigilia del Mondiale ti ha condizionato. Vi siete chiarite e ci sono le basi per poter convivere nel team elite anche nella prossima stagione, tenuto conto che la forza della nazionale di questi anni è stata proprio il gruppo?

“Da parte mia non c’è nessun problema, anzi penso di essermi sempre comportata nella maniera più adeguata, sento anche il supporto del team e sono a posto con la mia coscienza per quello che ho fatto per la squadra. Certo, avrei preferito affrontare direttamente la questione, senza danneggiare nessuno e senza coinvolgere interviste o altri mezzi, ma questo è un po’ il mio carattere”.

Dopo i Mondiali avevi già dettato i termini per la continuazione della tua carriera: ci penserò durante questa primavera, ma vado avanti solo se verrà confermato lo staff tecnico. Pensi che siano previsti dei cambiamenti tra lo staff da qui a Pechino 2022?

“Ci tengo molto ai miei allenatori, non solo dal punto di vista tecnico e professionale, perchè sanno fare bene il loro mestiere, ma anche dal punto di vista umano. Oltre a essere bravi allenatori sono persone sincere, soprattutto oneste è per me questo è un valore importantissimo. Circola voce che siano in molti tecnici a voler saltare sul carro vincente, visto l’appeal del biathlon azzurro. Come atleta ho avuto molti allenatori e so il valore degli stessi quando sono trasparenti con l’atleta, perchè deve essere anche un po’ uno psicologo, un amico, un genitore che ti sgrida e deve ricoprire tutte queste caratteristica. Un conto è realizzare il programma, valorizzare l’atleta per permettergli di rendere al massimo è un’altra”.

Non potendo più partire in vacanza per l’Oman, sicuramente starai pianificando i festeggiamenti non appena sarà finita l’emergenza. Come stai trascorrendo la tua quarantena? Sui social hai pubblicato una foto con la quale sei alle prese con le pulizie…

Intanto comincio a godermi un po’ questa tranquillità. Mi sto godendo un po’ il fatto di potermi rilassare sul divano, spesso sui social se ne vedono di tutti i colori.  Sto bene così, finalmente a casa e senza appuntamenti, 90% divano a mangiare e guardare la tv. Ho cominciato addirittura a cucinare, facciamo un giorno a testa io e Stefano ai fornelli, faccio le prove da vera casalinga per la mia vita dopo il biathlon”.

E’ proprio di ieri la notizia del passaggio al biathlon di Stina Nilsson, che prova a ripercorrere le gesta di Magdalena Forsberg e Anna Carin Olofsson, e più recentemente di Denise Herrmann, aggiunge un pizzico in più di pepe al movimento del biathlon?

E’ stata una scelta molto coraggiosa da parte sua, sicuramente è ancora abbastanza giovane per poter apprendere il biathlon. Non sarà facile per lei l’approccio e dovrà imparare molto strada facendo, stagione dopo stagione. La situazione è completamente diversa, si vede che voleva nuovi stimoli avendo vinto molto nel fondo, sarà molto interessante e sarà stimolante per allenarsi ancora di più…scherzi a parte sarà bello comunque vedere un’altra fondista in questo circuito, in molte ci stanno pensando…vediamo. Ad esempio, la francese Aymonier si è appena ritirata e non è mai stata un’atleta tra le big del circuito, cambierà per la svedese doversi allenare su due sport, se porta il suo livello del fondo fisserà sempre i migliori tempi sugli sci, ma la vita del biathleta ha anche altri tempi da rispettare per l’allenamento al tiro, rinunciando ad alcune ore magari sull’allenamento tecnico della sciata per investirlo al poligono“.

Dopo questa stagione è cresciuto il biathlon in Italia, o non come te lo saresti aspettato? Ai Mondiali c’era davvero tantissimo pubblico italiano sul percorso a incitarti e sostenere gli azzurri durante le due settimane di gara?

“Sono molto contenta, l’ho notato molto anche sui social. Sicuramente l’apporto della RAI in chiaro, con il supporto di Eurosport che trasmette tutta la Coppa del Mondo, ha accresciuto i numeri dell’audience a livelli mai raggiunti per il nostro sport in Italia, mi ha reso davvero felice il fatto che molti italiani fossero sul percorso e che tanti dalla televisione si siano appassionati a questo sport, non potrebbe essere altrimenti”…

Da chi, se si può dire, hai ricevuto i complimenti che ti hanno fatto più piacere?

“Sono arrivati tantissimi messaggi, devo ancora rispondere a tantissimi su whatsapp e approfitterò di questo momento per colmare il divario con chi manca, su Instagram invece è una causa persa. Sicuramente quello di Alberto Tomba ha fatto molto piacere, ma li apprezzo tutti, non c’è una persona più importante di un’altra.

nicolo.persico@oasport.it

Clicca qui per mettere “mi piace” alla nostra pagina “Il biathlon azzurro”

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook

Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo

Clicca qui per seguirci su Twitter

Foto: Lapresse

 

Loading...

2 Replies to “Dorothea Wierer: “Eckhoff e Tandrevold hanno provato a danneggiarmi. Convivo col mal di schiena e cucino durante la quarantena””

  1. Luca46 ha detto:

    Dorothea ha vinto sul filo di lana le ultime due stagioni di coppa del mondo e questo non rende merito al suo strapotere che risalta in modo inequivocabile dalla classifica aggregata delle ultime due stagioni:
    WIERER 1698, OEBERG 1482, ROEISELAND 1452, VITOZZI 1410, HERMANN 1356, ECKHOFF 1303
    Tra lei e le altre un abisso. E andrebbe posto maggior risalto al fatto che le norvegiesi abbiano giocato sporco.

    1. Fabio90 ha detto:

      Come testimonia il numero di gare fatte con il pettorale giallo, e sopratutto i 3 ori mondiali.

Lascia un commento

scroll to top