Show Player

F1, i promossi e bocciati dei Test di Barcellona. Red Bull e W11 a tutta, Ferrari e Power Unit Mercedes da rivedere



Dopo sei giorni e 48 ore complessive, si sono conclusi e sono dunque finiti in archivio, i test F1 del Montmelò. Giornate intense con migliaia di chilometri messi in cascina da team e piloti con situazioni quanto mai differenti le une dalle altre. Andiamo, quindi, a fare un bilancio di quello che abbiamo visto nelle 12 sessioni sulla pista posizionata vicino a Barcellona.

I PROMOSSI

RED BULL: forse la migliore vettura nel complesso. Mai uno stop (a differenza di un anno fa) per una RB16 che si è rivelata eccellente sia sul giro secco, sia sulle lunghe distanze. Se, come pare, anche il motore Honda darà man forte, quest’anno Max Verstappen potrà davvero concorrere a pieno titolo per la vittoria finale, mentre Alexander Albon si toglierà sicuramente soddisfazioni.

Loading...
Loading...

LA W11. la monoposto della Mercedes sembra davvero impeccabile. Eccezionale sul dritto e sul lento, efficace nelle simulazioni di passo gara e, come sempre, incredibile a livello di consumo gomme. Lewis Hamilton e Valtteri Bottas sono pronti ad una nuova annata da dominatori?

RACING POINT: la monoposto tinta di rosa, tremendamente simile alla W10 Mercedes 2019 è stata, senza alcun dubbio, la sorpresa di questi sei giorni di test con una andatura spedita sotto ogni punto di vista. Si confermerà già a Melbourne?

MCLAREN: la scuderia che, forse più di tutti, se n’è infischiata del cronometro. Lando Norris e Carlos Sainz hanno messo in cascina migliaia di chilometri con ottimi riscontri a livello di solidità, e non è certo un aspetto di poco conto.

I RIMANDATI

FERRARI: la scuderia di Maranello ha alternato buone cose a giornate difficili da leggere. La sensazione generale è che la SF1000 sia stata nascosta a dovere, ma la perfezione è sicuramente lontana. Vedremo qualcosa di più chiaro nelle prime uscite stagionali.

LA POWER UNIT MERCEDES: cinque rotture in sei giorni non sono certo un buon viatico per il motore di Stoccarda. La situazione preoccupa, e non poco, Mercedes, Racing Point e Williams e la possibilità di un GP di Australia “depotenziato” non è affatto da escludere.

HAAS: se il 2019 ha visto il team americano compiere un buco nell’acqua clamoroso, il 2020 inizia sotto pessimi auspici. La possibilità di essere la pecora nera del gruppo è davvero all’orizzonte.

ALFA ROMEO: assieme a Williams e Haas, al momento, le peggiori del lotto. Kimi Raikkonen e Antonio Giovinazzi dovranno davvero tirare fuori il classico coniglio dal cilindro con una monoposto che, rispetto a 12 mesi fa, prende il via del campionato davvero sottotono.

alessandro.passanti@oasport.it

Twitter: @AlePasso

Clicca qui per seguire OA Sport su Instagram
Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Foto: Lapresse

Loading...

Lascia un commento

scroll to top