Show Player

Tennis, il 2020 di Matteo Berrettini: la programmazione ed i tornei fino alla primavera



Per numerosi giocatori italiani che, in questi giorni, iniziano la loro attività tra il Qatar e i Paesi dell’Oceania, ce n’è uno che, suo malgrado, deve rimanere fermo. E non è uno qualsiasi: si tratta, infatti, di Matteo Berrettini, l’uomo che nel 2019 è riuscito a riportare un pezzo d’Italia alle ATP Finals in singolare dopo 41 anni, al termine di un anno contraddistinto da due tornei vinti, una semifinale Slam e un’altra Masters 1000.

Il romano, infatti, avrebbe dovuto fare il proprio debutto nell’ATP Cup, ma a causa di alcuni problemi di natura addominale lui e il suo coach Vincenzo Santopadre hanno deciso, di comune accordo, di non bruciare le tappe, procedendo così a rinviare il debutto direttamente agli Australian Open. Qui Berrettini potrà tentare di guadagnare parecchi punti, visto che l’anno scorso perse dal greco Stefanos Tsitsipas, in un confronto che oggi a livello di primo turno non sarebbe più possibile stante lo status di teste di serie alte di entrambi.

Loading...
Loading...

Dopo l’Australia, l’America del Sud: saranno infatti gli ATP di Buenos Aires, Rio de Janeiro e Acapulco (un 250 e due 500) a vedere protagonista il numero 8 del mondo. Una scelta che privilegia la terra rossa con un’appendice veloce, ma non va dimenticato un particolare: Acapulco, con il passaggio al veloce, ha saputo recuperare competitività nei confronti del concorrente 500 di Dubai, che in varie occasioni si è dimostrato molto vicino al livello di un Masters 1000 per campo di partecipazione.

Nella programmazione di Berrettini dovrebbe trovare comodamente posto la nuova Coppa Davis, con l’incontro tra Italia e Corea del Sud (del quale la sede è ancora ignota), e poi sarà tempo di volgere lo sguardo ai due Masters 1000 americani, quelli di Indian Wells e Miami, un’altra potenziale fonte di punti di rilievo. Per quanto riguarda il prosieguo della stagione, Montecarlo a parte, non c’è ancora un piano vero e proprio, anche se non è difficile immaginare che, dato il nuovo livello del romano, il percorso sia legato ai grandi tornei sul rosso: Barcellona, Madrid, Roma e Roland Garros.

federico.rossini@oasport.it

Clicca qui per seguire OA Sport su Instagram
Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Foto: Roberto Zanettin / LivePhotoSport.it

Loading...

Lascia un commento

scroll to top