Show Player

Russia esclusa da Tokyo 2020, un possibile vantaggio per l’Italia nelle qualificazioni olimpiche. I possibili scenari



La Russia è stata estromessa dalle Olimpiadi di Tokyo 2020, il Comitato Esecutivo della WADA ha deciso di escludere questo Paese dai prossimi Giochi: non ci sarà la bandiera bianco-blu-rossa e non suonerà l’Inno in caso di vittoria. La notizia sposta indubbiamente diverse pedine nel complesso scacchiere a cinque cerchi e modifica diversi scenari nel percorso di qualificazione alla rassegna a cinque cerchi ma va precisato che alcuni atleti russi potrebbero partecipare come “indipendenti e neutrali” nel caso in cui dimostrassero di non avere rapporti col complesso e discusso sistema doping della Nazione.

L’Italia potrebbe beneficiare di questa esclusione durante il percorso di qualificazione alle Olimpiadi. Ad esempio la squadra di ginnastica artistica maschile è stata la prima esclusa ai Mondiali 2019 e dunque la nostra formazione potrebbe essere ripescata (Marco Lodadio e Ludovico Edalli sono già ammessi come individualisti). Si semplificherebbero sensibilmente i percorsi di qualificazione per il Setterosa (la Nazionale di pallanuoto femminile può staccare il pass agli Europei di gennaio o tramite un torneo mondiale in primavera) e per la scherma in tutte le armi, l’arco femminile avrebbe una chance in più, maggiori possibilità anche nel nuoto sincronizzato (la Russia è una potenza, libererebbe una quota) e nel basket 3×3 dove ci sarebbe un posto in più che faciliterebbe la missione dell’Italia femminile, già Campionessa del Mondo nel 2018.

Staremo a vedere quello che realmente succederà, come le varie Federazioni si comporterannno nei confronti dei singoli atleti e come questi ultimi dimostreranno di non avere avuto legami e rapporti col sistema doping. Situazione ingarbugliata che si definirà soltanto nei prossimi mesi, va ricordato che la Russia può presentare ricorso entro 21 giorni.

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Loading...
Loading...

Foto: Simone Ferraro/FGI

Loading...

Lascia un commento

scroll to top