Seguici su

Pallanuoto

Pallanuoto femminile, le migliori italiane del secondo turno eliminatorio di Eurolega. Arianna Garibotti trascina Catania ai quarti

Pubblicato

il

Con la Serie A1 di pallanuoto femminile ferma fino a febbraio, nel fine settimana appena trascorso è andato in scena il secondo turno eliminatorio dell’Eurolega, che ha visto impegnate tre formazioni italiane: Catania ha raggiunto i quarti di finale, mentre Padova e Roma sono state eliminate.

Di seguito le migliori cinque italiane che si sono distinte nei tre giorni di gare:

Arianna Garibotti (Catania): divenuta la principale bocca da fuoco delle etnee dopo l’addio della scorsa estate di Bianconi, regge perfettamente la responsabilità e trascina le compagne a suon di gol, tenendo a galla le siciliane anche nella partita poi persa contro la formazione russa nella seconda giornata.

Claudia Roberta Marletta (Catania): come la compagna di squadra appena citata a suon di gol porta le isolane ai quarti, seppur al secondo posto. Mostra grande esperienza interazionale nonostante i 24 anni appena compiuti. Servirà la stessa verve nei quarti di finale.

Elisa Queirolo (Padova): trascina le compagne come una capitana (lo è in Nazionale ma non nel club), ma alla fine si rivela essere fatale la sconfitta della prima giornata. Anche contro le russe padrone di casa nel raggruppamento è l’ultima ad alzare bandiera bianca e rassegnarsi all’eliminazione.

Chiara Ranalli (Padova): segna tanti gol, ma purtroppo non bastano per evitare l’eliminazione. Dimostra però, una volta di più, di saper far male a difese blasonate in Europa. Valore aggiunto per il Plebiscito e, chissà, anche per il Setterosa magari, in una stagione molto delicata.

Giuditta Galardi (Roma): ci mette anima e cuore anche nella decisiva partita contro le campionesse d’Europa in carica, che finisce per sancire l’eliminazione delle capitoline. Zizza la tiene in considerazione per il Setterosa, vediamo se riuscirà a scalare posizioni nei match di World League.

 

roberto.santangelo@oasport.it

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Foto: Roberto Comuzzo LPS

Clicca per commentare

Tu cosa ne pensi?

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *