Show Player

Nuoto, Campionati Italiani 2019 invernali: i tempi limite per la qualificazione a Tokyo 2020. Tabella e guida completa



Dopo l’esaltante edizione 2019 degli Europei di nuoto in vasca corta che si è chiusa a Glasgow (Gran Bretagna) e che ha visto l’Italia realizzare il record di medaglie e centrare la prima posizione nella classifica a punti, si pensa agli Assoluti invernali a Riccione, primo evento di qualificazione alle Olimpiadi di Tokyo 2020.

I nostri portacolori infatti, secondo quanto previsto dal regolamento pubblicato dalla FIN, avranno a disposizione degli eventi specifici per ottenere i tempi limite che varranno il pass. Le manifestazione saranno appunto i campionati citati (12-14 dicembre), gli Assoluti primaverili (17-21 marzo 2020) e il Trofeo Settecolli (26-28 giugno 2020), a condizione che i crono ottenuti siano uguali o migliori di quelli previsti, parlando delle specialità individuali.

Loading...
Loading...

TEMPI LIMITE – ASSOLUTI INVERNALI 

Come si può evincere dalla tabella, si tratta di crono di livello internazionali e non facili da ottenere. Tuttavia, l’idea della FIN è quella di dare modo ai nuotatori di staccare il biglietto per il Giappone con doveroso anticipo, in maniera tale da avere a disposizione un arco di tempo piuttosto ampio per arrivare all’appuntamento a Cinque Cerchi nel migliore dei modi.

Per quanto riguarda le staffette, sono già qualificate la 4×100 mista femminile, le staffette 4×100 e 4×200 stile libero maschili e la staffetta 4×100 mista mixed che durante i Mondiali a Gwangju hanno ottenuto la carta olimpica secondo i criteri previsti dal CIO e dalla FINA.

Relativamente alla 4×100 e 4×200 stile libero femminili, queste concorreranno al conseguimento del pass con il tempo realizzato durante gli Europei di Budapest 2020. La staffetta 4×100 mista maschile, invece, si giocherà le proprie chance con il tempo realizzato a Gwangju o, se migliore, con quello registrato a Budapest 2020. In questo senso, la composizione a livello individuale dei quartetti dipenderà dai seguenti criteri:

1) in possesso del limite individuale ottenuto in occasione del Campionato Italiano Open di dicembre o del Campionato Italiano Assoluto di marzo;

2) che avranno conseguito, in occasione delle finali A individuali del Campionato Italiano Assoluto di marzo, tempi migliori o uguali a quelli previsti per le prove a squadre, fino al numero massimo di quattro atleti nelle gare dei 100 e 200 stile libero e di un atleta nelle gare dei 100 metri dorso, rana e farfalla (fonte: FIN).

giandomenico.tiseo@oasport.it

Twitter: @Giandomatrix

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Foto: LaPresse 

Loading...

Lascia un commento

scroll to top