Show Player

Volley, Superlega 2019-2020: Verona batte Piacenza al tie-break, Stephen Boyer grande trascinatore



Verona ha sconfitto Piacenza per 3-2 (25-22; 25-27; 25-23; 18-25; 15-13) nell’unica partita della terza giornata di SuperLega andato in scena oggi. Il mattatore del match è senza ombra di dubbio Stephen Boyer autore di ben 26 punti. Sugli scudi per quanto riguarda i padroni di casa anche Solè (15) e Asparuhov (14). Gli scaligeri infilano la seconda vittoria nel torneo rialzandosi dal ko subiti contro Perugia mentre gli emiliani smuovono la classifica raccogliendo il primo punto. Gabriele NelliDick Kooy con i loro 20 punti a testa hanno consentito alla squadra di Gardini di rimanere in corsa. Bene anche Berger che ha messo a referto 16 punti.

CRONACA DELLA PARTITA:

Loading...
Loading...

Verona parte alla grande e grazie a Stephen Boyer mette a segno subito un break arrivando 4-1. La reazione degli ospiti è affidata a Nelli che mette giù un gran muro e ad un ace di Kooy che riportano i sui in gioco (7-6). Sale in cattedra Sebastian Solé che mette a referto due punti consecutivi che riportano avanti i ragazzi di Radostin Stoytchev (19-18). Nella fase finale è un punto a punto fino a quando Boyer non mette a segno quello che poi sarà il break decisivo per la conquista del primo set che si chiude sul 25-22 a favore di Verona.

Anche il secondo set inizia all’insegna dell’equilibrio. Il primo break del parziale lo consegna a Piacenza l’ace di Kooy, che è sembrato in gran forma (7-5). Come al solito arriva la reazione dei padroni di casa che si affida a Asparuh Asparuhov riportandosi sul 10-8.Nella fase centrale del secondo set Verona allunga grazie alla precisione delle sue bocche di fuoco che sembrano praticamente inarrestabili (18-13). Quando tutto sembra ormai perso Piacenza spinge nuovamente sull’acceleratore, Krsmanović e Nelli diventano estremamente efficaci a muro e riportano i suoi sul 20-19. Berger mette giù un bel diagonale al quale risponde Boyer con una grande pipe. Arriva il turno di servizio per Krsmanović che mette in difficoltà la ricezione avversaria e Stankovic è bravo a chiudere il parziale.

Nel terzo set parte bene Verona ma gli ospiti reagiscono subito e risalgono da 2-0 subito fino a 4-2 con un grande Kooy. A questo punto i ragazzi di Stoytchev si disuniscono leggermente, sbagliano un paio di servizi e consentono a Piacenza di andare allungare fino all’8-5. Com’è accaduto praticamente sempre in questa pazza partita arriva la reazione veemente della squadra che è sotto nel punteggio. L’ace di Asparuhov e il bolide in diagonale di Boyer consentono a Verona di passare avanti (12-10). La squadra di Gardini può contare su un Nelli molto attento a muro (16-16). Ricomincia un’estenuante lotta punto a punto fino a quando il solito Boyer mette a segno quello che sarà il break decisivo (20-22). I padroni di casa portano a casa il parziale con il punteggio di 25-23 grazie a Solè.

Il quarto set ha un andamento leggermente diverso dai precedenti. Piacenza parte molto bene con Kooy che sbatte un muro clamoroso in faccia a Solè (5-2). La reazione dei padroni di casa arriva grazie a Boyer che è al centro del gioco offensivo della squadra di Stoytchev (9-7). Gli ospiti alzano il ritmo e la qualità del proprio gioco e grazie agli attacchi di Kooy, Stankovic e all’ennesimo muro di Nelli allungano fino a 15-9. A questo punto Verona cerca in tutti i modi di evitare il tie-break. Muagututia mette a segno un buon primo tempo (19-16). Kooy e Krsmanovic sembrano inarrestabili anche se a chiudere i conti è l’attacco preciso e potente di Berger.

Una partita fantastica che non poteva avere altro epilogo se non quello del tie-break. Si parte punto a punto con Berger che fissa il punteggio sul 3-3. Diventa protagonista Emanuele Birarelli che mette giù un muro clamoroso e consegna il vantaggio a Verona (6-4). A riportare in parità il match è il servizio di Nelli che mette in grave crisi Luca Spirito. Si accende la partita anche a livello agonistico con Piacenza che tira su il pallone due volte e alla fine Kooy gioca un ottimo mani fuori (12-11). Boyer approfitta di una ricezione difettosa degli ospiti e riporta avanti i suoi (13-12). Gli ospiti difendono e provano il contrattacco con Kooy, la palla tocca il nastro e viene fischiato quarto tocco a Piacenza, solo grazie al video-check si vede il tocco del muro. Si rigioca il punto con Boyer che gioca con le mani del muro. Cavanna attacca al limite, l’arbitro assegna il punto ma il video-check consegna la vittoria a Verona 15-13.

[embedit snippet=”adsense-articolo”]

salvatore.serio@oasport.it

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Foto: Valerio Origo

Loading...

Lascia un commento

scroll to top