Nuoto, Coppa del Mondo Doha 2019: duello Hosszu-Campbell per il successo finale, Morozov e Rapsys sempre loro

Prima giornata di gare nella tappa di Doha (Qatar), valida per la Coppa del Mondo di nuoto 2019. Nella piscina qatariana l’australiana Cate Campbell e l’ungherese Katinka Hosszu hanno regalato spettacolo, dando seguito alla loro contesa per il successo finale di questa competizione.

Nei 50 stie libero donne l’Aussie ha centrato il bersaglio grosso con il crono di 24″11, precedendo la svedese Michelle Coleman (24″50) e sua sorella Bronte (24″74). Da par suo, la lady di ferro si è imposta nei 200 farfalla femminili (2’08″60), battendo nell’ormai consueto derby tutto magiaro Zsuzsanna Jakabos (2’08″95). Una grande ultima vasca ha permesso ad Hosszu di mettere la mano davanti a tutte. Terza piazza per l’australiana Meg Bailey (2’09″86). La sfida, dunque, tra le due si fa ancor più serrata. Cate potrà contare sui 100 sl, mentre Katinka avrà nel proprio mazzo i due assi dei misti.

Sul versante maschile, il russo Vladimir Morozov e il lituano Danas Rapsys hanno suonato ancora la campana. Il russo ha dato seguito alla propria striscia vincente, toccando la piastra per primo nei 50 stile libero (21″83), unico ad infrangere la barriera dei 22″. Alle sue spalle troviamo il giapponese Kosuke Matsui (22″02) e l’ungherese Maxim Lobanovskij (22″04). Da par suo Rapsys conferma il proprio dominio nei 400 sl (settimo centro consecutivo per lui), aggiudicandosi la prova con il crono di 3’47″87, prendendosi la scena davanti all’ucraino Mykhailo Romanchuk (3’48″61), grande rivale di Gregorio Paltrinieri negli 800 e 1500 sl, e al ceco Jan Micka (3’50″20). A chiosa, giusto sottolineare la firma del sudafricano Chad Le Clos, a segno nei 100 farfalla in 51″70, piegando il polacco Jakub Majerski (52″11) e l’americano Michael Andrew (52″38).

 

[embedit snippet=”adsense-articolo”]

 

giandomenico.tiseo@oasport.it

Twitter: @Giandomatrix

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Foto: katacarix / Shutterstock.com

Leggi tutte le notizie di oggi su OA Sport

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Calcio, Europa League 2019-2020: che beffa per la Lazio, il Celtic si impone 2-1 allo scadere

Sci alpino, Sofia Goggia coinvolta in un incidente sull’autostrada A4: illesa