Nuoto, Coppa del Mondo 2019 Doha. Doppia coppia per il trionfo finale, si rivede Romanchuk

Si chiude a Doha la prima edizione di Coppa del Mondo dell’era ISL. Non esaltava in passato, la manifestazione itinerante voluta dalla FINA, e pure oggi non è che faccia sobbalzare sul divano gli appassionati ma resta sempre e comunque un appuntamento importante soprattutto in preparazione al grande evento invernale che in questo caso sono gli Europei in corta di Glasgow o per vedere all’opera potenziali protagonisti della stagione che va ad iniziare, che in questo caso è olimpica a Tokyo.

Nella tappa di Doha, che si disputa ancora in vasca lunga, in più, c’è il titolo generale da assegnare che sembra ormai aver preso la strada di Russia e Australia ma ancora non è detta l’ultima parola. In campo maschile Morozov ha la vittoria della generale in tasca e gli basterà conquistare un paio di successi nelle gare preferite per mettersi alle spalle il lituano Rapsys, inseguitore più immediato e unico a poter mettere in discussione la sua leadership.

La vera battaglia è in campo femminile con la australiana Cate Campbell che potrebbe porre fine dopo otto anni al duopolio Hosszu-Sjoestroem (vincitrici delle ultime edizioni). La velocista Aussie, infatti, è in testa alla classifica alla vigilia dell’ultima tappa con 24 punti di vantaggio sulla magiara che ha comunque la possibilità di rimontare, anche se le servirebbe una super prestazione per colmare il gap rispetto ad una Campbell che, visto il lotto delle partenti, non dovrebbe avere grandi problemi ad aggiudicarsi le sue gare preferite.

Non ci sono italiani al via, visto che la squadra azzurra ha preferito concentrarsi su uno degli appuntamenti clou di questa fase di stagione, il trofeo Nico Sapio di Genova. Tra le star di questa settima e ultima tappa c’è invece l’ucraino Mykhailo Romanchuk che sarà avversario a Glasgow di Gabriele Detti e Gregorio Paltrinieri nell’Europeo in vasca corta che lo vide trionfare sui 1500 due anni fa a Copenhagen. Al via anche il sudafricano Chad Le Clos che torna a fare capolino in Coppa del Mondo, manifestazione in cui per anni è stato presenza fissa di tutte le tappe. Tra gli atleti più attesi, oltre ai quattro in lotta per la generale, sopra citati, ci sono le australiane Seebohm e Bronte Campbell, i brasiliani Felipe Lima e Medeiros, il ceco Micka, la danese Ottesen, il tedesco Heintz, gli ungheresi Jakabos, Szilagiy e Jakabos, gli olandesi Kamminga e Toussaint, il russo Chupkov, la svedese Coleman e l’immancabile statunitense Andrew.

[embedit snippet=”adsense-articolo”]

Foto Shutterstock

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Leggi tutte le notizie di oggi su OA Sport

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Tennis, Vincenzo Santopadre su Matteo Berrettini: “Le Finals saranno un’occasione di crescita, ma vorrà giocarsela al meglio”

F1: nuova Spy Story? Si sospetta una fuga di dati sul motore Ferrari. Honda ne avrebbe beneficiato