Show Player

Corso per Cronisti e Telecronisti sportivi OA Sport 2019: le recensioni dei partecipanti



Dal 10 al 12 ottobre scorsi si è svolto a Macerata il Corso per Cronisti e Telecronisti sportivi di OA Sport, organizzato in collaborazione con l’Overtime Festival di Macerata. Grande la partecipazione di studenti accorsi da tutta Italia: 83 iscritti complessivi che hanno approcciato il mondo del giornalismo a 360 gradi, acquisendo nozioni teoriche, mettendosi personalmente alla prova con laboratori pratici e colloquiando direttamente con affermati professionisti del settore come Federico Buffa, Massimiliano Ambesi, Pierluigi Pardo e tanti altri.

Di seguito pubblichiamo le recensioni pervenuteci da parte di alcuni iscritti.

Loading...
Loading...

RECENSIONI CORSO CRONISTI E TELECRONISTI SPORTIVI OA SPORT 2019

Sentite congratulazioni per come avete organizzato e gestito il corso: l’ho trovato stimolante, intelligente e davvero ben pensato. Oltre a conoscere tante persone, ho avuto la possibilità di mettermi alla prova. Grazie davvero“.

Michele P.

Il corso è stato molto molto interessante, mi ha arricchito molto, sia voi che gli ospiti ci avete dato molto, soprattutto a livello di esperienze“.

Edoardo M.

Ho trovato il corso di OA Sport molto emozionante. Un corso molto utile e formativo per chi vuole intraprendere la carriera nel giornalismo sportivo. È stato fantastico poter ascoltare e parlare di sport con gli esperti del settore. Interagire con persone come Massimiliano Ambesi, Federico Buffa e Pierluigi Pardo è stato meraviglioso. Ringrazio moltissimo Federico Militello ed Enrico Spada per averci dato questa opportunità e per tutto ciò che fanno con OA Sport. Faccio loro anche i complimenti per il premio ricevuto all’Overtime Festival come miglior sito sportivo per il quarto anno di fila“.

Lorenzo P.

“Senza tanti giri di parole, è stata un’esperienza memorabile. L’apprendimento di nuove tecniche di narrazione dell’evento sportivo, il confronto con gli esperti, la conoscenza di persone nuove sono state per me una ventata d’aria fresca, una fuga dalla routine lavorativa che mi ha stimolato e reso entusiasta dal primo all’ultimo momento. I contenuti del corso sono stati ineccepibili, ho trovato solo un po’ troppo focalizzato sul tema della “Giovane Italia” l’intervento di Vittorio Scarpelli: per quanto sia interessante e lodevole il suo progetto, ritengo abbia mancato il punto del rapporto giornalismo-social network inizialmente programmato. Peccato per il ritardo di Pierluigi Pardo, non si è presentato benissimo, ma possiede una verve tale da perdonargli la scarsa puntualità. Per il resto c’è poco da dire: le presentazioni su articolo e diretta testuale erano chiare ed esaustive, Ambesi e Paone sono due mostri (in senso buono, s’intende!), molto interessante la parte di Montefusco (respirare col diaframma aiuta in innumerevoli circostanze), mi ha impressionato la professionalità di Chiuso e soprattutto di Franzelli, ammirevole per la passione con cui ci ha trasmesso le sue nozioni ed i suoi insegnamenti, sembrava di essere all’università! E poi tanta soddisfazione nell’incontrare Ardemagni, che ho seguito spesso a Catersport, e Federico Buffa: l’avvocato si presenta da solo! Dal punto di vista prettamente organizzativo non ho aspetti negativi da portare alla vostra attenzione, al massimo qualche ostacolo “logistico” al ristorante in cui abbiamo consumato i primi due pranzi, ma la fila al buffet mi ha dato la possibilità di consolidare i legami con gli altri corsisti“.

Elia V.

Quanto al corso, sono rimasto molto soddisfatto. Sono stati tre giorni intensi e ricchi di incontri. Un primo giorno con l’infarinatura teorica che mi aspettavo ed esercitazioni stimolanti, sebbene riguardanti sport su cui non ero particolarmente ferrato. Nei due giorni successivi si sono alternate tantissime personalità di esperienza e di spessore. Ho apprezzato particolarmente alcuni interventi, quelli di Franzelli e di Buffa su tutti. Importantissimo anche il contorno. La disponibilità dello staff, degli organizzatori, dei “jolly” Ambesi e Paone, ha reso tutto molto accogliente ed istruttivo. Lo consiglio davvero. Anche se non si diventa giornalisti in tre giorni è un’esperienza da vivere. Grazie“.

Simone D. F.

Ho trovato il corso molto interessante oltre che dal punto di vista degli argomenti, anche per l’organizzazione, anche se far pranzare novanta persone a buffet è una soluzione molto rischiosa. Nel complesso, come avevo già accennato, penso che abbiate fatto un ottimo lavoro e vi rinnovo i complimenti. Per ciò che riguarda le correzioni le accetto e ne faccio tesoro. Ovviamente per chi non ha mai fatto né il giornalista né dirette live quanto richiesto era complicato, ma per quanto concerne l’articolo mi ritengo molto soddisfatto“.

Fabrizio R.

L’esperienza del corso è stata sicuramente più che positiva, ho avuto modo di ascoltare lezioni interessanti e ottenere consigli molto utili da professionisti esemplari. Ho imparato molto in questi tre giorni, non solo dal punto di vista professionale ma anche umano, ascoltando lezioni ed esperienze che saranno utili e importanti per la mia vita personale e professionale. Le lezioni sono state approfondite, complete, ma mai noiose. Ogni docente è riuscito a dare il proprio contributo nel modo più completo, riuscendo ad impartire lezioni importanti, ma anche ad intrattenere e a rendere ogni singola ora un evento unico ed indimenticabile. Sono state particolarmente interessanti, anche per quelle che sono le mie inclinazioni, le lezioni riguardanti la scrittura di un articolo, la realizzazione di una telecronaca, e le esperienze raccontate da telecronisti professionisti quali Pierluigi Pardo, Massimiliano Ambesi e gli altri. I laboratori sono stati fondamentali per la comprensione e la messa in pratica delle nozioni apprese a lezione, sicuramente impegnativi, ma ho avuto modo di testare le mie competenze e, spero, di migliorare. Molto divertente in particolare quello sulla realizzazione di una telecronaca, che era sicuramente quello che, alla vigilia, attendevo maggiormente. Ti ringrazio per aver dato a me e a tanti altri ragazzi questa opportunità, e spero di poter continuare questo percorso. Grazie ancora a te e a tutta la redazione di OA Sport“.

Aniello P.

Per quanto riguarda il corso, oltre ad averti ringraziato personalmente, penso che sia stato davvero molto proficuo per la mia esperienza, che mi abbia fatto crescere. Grazie agli ospiti che sono intervenuti, più i numerosi consigli di Massimiliano Ambesi e Francesco Paone, persone che osservavo in tv ma che faccia a faccia mi hanno dato tanto, ho potuto capire bene alcune regole ed alcuni segreti per migliorare nel modus operandi e per fare al meglio questo mestiere, in un futuro nemmeno troppo lontano. Ho ritenuto interessanti (chi più chi meno) tutti gli interventi, perché andavano a completare quasi interamente le specializzazioni del mestiere, anche la lezione del doppiatore mi è piaciuta molto. Secondo la mia opinione, l’unica piccola “mancanza” per completare questo giro a 360° della materia è rappresentata dal fattore radio, ed in particolare dalla radiocronaca. Ardemagni ha tenuto una bella lezione, ma ha mirato più all’aspetto coinvolgente della radio che alla tecnica vera e propria, probabilmente in quanto un po’ avulso rispetto al giornalismo sportivo. Forse gli ultimi due interventi, seppure fossero i più attesi dai più, mi hanno lasciato di meno a livello di insegnamento (non contesto la caratura sia di Buffa che di Pardo, parlo solamente in termini di consigli ed insegnamenti trasmessi). Tuttavia il mio giudizio sul corso è estremamente positivo, l’ho trovato oltre che interessante molto stimolante, ed i laboratori molto importanti: ho capito gli aspetti sui quali posso e devo migliorare per poter raggiungere un livello qualitativamente elevato. Spero ci possano essere altre occasioni: qualora ci siano nuove edizioni parteciperò volentieri. Rinnovandoti il ringraziamento per le correzioni, per il corso in generale e anche e soprattutto per il modo con cui lo hai curato nella tre giorni, tra una lezione e l’altra fino al ristorante, ti saluto, sperando ci possano essere nuove circostanze di questo genere“.

Enrico S.

Sono stati tre giorni fantastici dove ho imparato molto su questo bellissimo mondo, spero di aver messo le basi per poter rendere la mia passione il mio mestiere. Aver trascorso del tempo con dei professionisti mi ha fatto capire quante soddisfazioni personali può dare questa professione. Quindi grazie perché con questo corso ho capito che, con molto impegno e dedizione, il mio sogno si può realizzare e farò tutto ciò che è in mio potere per farlo. I docenti sono stati molto gentili, interessati agli studenti e sempre molto disponibili, ciò di cui uno studente ha bisogno. Non posso fare altro che ringraziarvi ancora e spero, un giorno, di poterla chiamare collega“.

Lorenzo G.

Non è semplice esplorare in soli tre giorni molteplici aspetti del giornalismo sportivo – stesura di articoli, telecronaca, interviste, trasmissioni radio e TV, ecc. – ma il corso proposto da OA Sport ci riesce alla perfezione, affrontando i temi in maniera schematica ma completa, fornendo una base ed instillando nei partecipanti la curiosità necessaria per proseguire nell’approfondimento delle varie materie. Gli interventi di relatori, esperti ed affermati, rappresentano un importante valore aggiunto a livello didattico, le loro storie ed i loro aneddoti affascinano e contribuiscono ad alimentare il “sogno” di diventare un vero giornalista sportivo. Molto utili le prove pratiche, ottima l’organizzazione generale. Per i neofiti e gli appassionati un’esperienza da provare“.

Luca B.

I tre giorni passati al corso per cronisti e telecronisti sportivi sono stati fantastici: questo corso mi ha permesso di capire tante cose, soprattutto quel che devo ancora migliorare. Mi sono confrontato con altri ragazzi, tutti molto simpatici, inoltre il corso mi ha permesso di incontrare e chiacchierare con giornalisti che avevo visto solo in televisione. Lo consiglierei a tutti e spero di rifarlo l’anno prossimo“.

Niccolò M.

Le tre giornate passate a Macerata sono state una bellissima occasione per mettermi alla prova e conoscere tanti coetanei con i quali ho in comune l’amore per lo sport e la passione per il giornalismo. Alle lezioni, già di per sé parecchio utili, sono stati sommati degli interventi davvero interessanti che mi hanno fornito una panoramica molto varia e dettagliata sul funzionamento del giornalismo italiano e dei media che lo veicolano. In particolare, avere la possibilità di discutere faccia a faccia con dei professionisti come Ambesi e Paone, ma anche con voi di OA Sport e con i tanti ospiti arrivati a Macerata è stato il vero valore aggiunto del corso. Tirando le somme, l’unico dispiacere è che sia durato tre giorni soltanto. Grazie mille per l’opportunità e complimenti per l’organizzazione“.

Nicola C.

Esperienza di valore e stimolante. Ho avuto modo di approfondire la conoscenza di un mondo, quello del giornalismo sportivo, al quale mi sono affacciato da quasi tre anni. Le lezioni sono state tenute da persone molto professionali e competenti, spesso note al grande pubblico, alle quali ho cercato di carpire quante più nozioni ed insegnamenti possibile. Organizzazione e rispetto delle tempistiche impeccabili, l’unica osservazione che mi sento di fare è quella riguardo ai laboratori, ai quali, secondo il mio modesto parere, si sarebbe dovuto dedicare un po’ più di tempo. Per il resto nulla da dire, è stato piacevole confrontarsi con ragazzi provenienti da altre regioni italiane, accomunati tutti dalla medesima passione e da quello che forse si può definire un sogno, ovvero fare il giornalista sportivo, che sia telecronista, inviato o autore di articoli e dirette live testuali. Affascinante lo sfondo del corso, la città di Macerata, popolata nei giorni dell’Overtime Festival da vere e proprie icone del giornalismo e dello storytelling sportivo. Grazie ancora per l’importante esperienza e alla prossima occasione“.

Francesco G.

Non avendo mai avuto alcuna esperienza in questo campo ho trovato le lezioni molto chiare ed istruttive, ma soprattutto ho avuto l’opportunità di poter interagire con tante personalità di alto profilo che lavorano nel mondo del giornalismo sportivo, ciò ha reso questi tre giorni indimenticabili“.

Giacomo M.

Il corso mi è stato utilissimo per conoscere meglio questo mondo che mi affascina cosi tanto ed è stato molto bello condividere tre giorni circondato da persone con la mia stessa passione“.

Filippo A.

Ho fatto un’esperienza bellissima a Macerata durante il corso per telecronisti e cronisti sportivi organizzato da OA Sport. Lo staff è stato attento ai minimi particolari nell’organizzazione di ogni aspetto delle tre giornate del corso, soprattutto nel dare la possibilità di apprendere le nozioni dal meglio del panorama, giornalistico e non solo, italiano. Il corso è stato utile per conoscere i diversi ambiti ed aspetti del giornalismo, inoltre i ragazzi di OA Sport sono stati sempre molto disponibili per richieste, domande ed ulteriori approfondimenti. In contemporanea con il corso c’era l’Overtime Festival a cui hanno partecipato altrettanti professionisti del settore. Io consiglio il corso a tutti gli amanti del racconto sportivo perché è garanzia di divertimento, apprendimento ed è anche una possibilità per fare nuove amicizie, ad esempio durante i pranzi e le cene“.

Lorenzo I.

Sono stato molto bene, mi sono divertito ed ho appreso tante cose nuove. La mia è una recensione senza dubbio positiva, un’esperienza da rifare, e che sono soddisfatto di aver svolto. Grazie mille per tutto“.

Antonio S.

Il corso per cronisti e telecronisti sportivi di OA Sport si è rivelato un’esperienza davvero appassionante e divertente. La direzione del corso è stata davvero impeccabile durante le tre giornate di lezioni. Nonostante l’adesione così numerosa, l’organizzazione si è rivelata davvero all’altezza. Il programma prestabilito è stato puntualmente rispettato. Ritengo siano state molto interessanti le prove pratiche di simulazione, condotte alla presenza di esperti giornalisti sportivi. In merito però, suggerirei solamente di migliorare e monitorare le connessioni in aula. Vorrei sottolineare l’estrema cortesia, la disponibilità e la smisurata competenza dei docenti, che sono stati sottoposti dai partecipanti ad un fuoco di fila di domande davvero intenso. La passione per lo sport ed una sana aspirazione a divenire un bravo giornalista hanno creato in aula un clima davvero piacevole fra noi partecipanti e questo rimarrà il ricordo più gradevole delle tre giornate. Un sentito grazie al team di OA Sport“.

Mauro R.

Innanzitutto grazie per la splendida organizzazione del corso: un mix a mio parere giusto tra esposizioni teoriche e consigli pratici da adottare nel lavoro di telecronista o giornalista. Al di là degli ospiti “top” Buffa e Pardo, ho apprezzato la qualità media degli altri relatori, tutti professionisti del settore da anni che lavorano in Rai, Mediaset, Sky, Eurosport, ecc. Infine, ma non meno importante, la copertura culinaria è stata ottima, davvero niente da dire. Sono soddisfatto del rapporto qualità/prezzo“.

Marco R.

Vi ringrazio infinitamente perché l’esperienza è stata molto formativa e mi ha aiutato molto a capire le regole ed i metodi per intraprendere questo fantastico lavoro. L’organizzazione è stata perfetta. Il programma è stato sempre rispettato e la vostra costante presenza ci ha aiutato a capire i vari step che poi ci erano già stati illustrati con le slide che ci avete inviato. Per ciò che riguarda la ristorazione tutto perfetto. Le simulazioni sono state molto efficaci per farci mettere in pratica le poche ore ma intense del corso. Spero si ripeta l’occasione, e di rivederci al prossimo corso. Ancora complimenti“.

Luca M.

La ringrazio anche io per i 3 giorni di corso, è stata la mia prima esperienza in assoluto in questo mondo e sono molto contento di quanto ho appreso, anche commettendo errori, come nel caso dell’articolo. Sono stati 3 giorni che mi hanno dato la possibilità di considerare un’altra via nella mia vita, perché raccontare lo sport, oltre a seguirlo, è un’emozione unica“.

Vincenzo R. L.

Ho avuto modo di partecipare a diversi corsi di questo genere e mi sento di dire che il corso di OA Sport sia stato il più interessante ed il più formativo. Relatori di altissimo livello ci hanno realmente insegnato le basi di questo mestiere grazie a consigli tecnici e qualche trucco lavorativo, ma soprattutto grazie ad aneddoti riguardanti la loro carriera, aiutandoci a capire quanto lavoro ci sia dietro a questo tipo di lavoro. Una delle cose che ho apprezzato di più del corso è stato il laboratorio di diretta live testuale,che mi ha permesso di cimentarmi in una branca interessantissima del giornalismo sportivo. Un ringraziamento particolare a Federico Militello ed Enrico Spada, che oltre ad essere stati degli ottimi insegnanti, si sono rivelati anche degli ottimi intrattenitori e dei padroni di casa di altissimo livello, facendoci sentire sempre a nostro agio“.

Filippo D.

La ringrazio sentitamente per l’esperienza trascorsa insieme. Un’esperienza che si è rivelata utile innanzitutto dal punto di vista umano, oltre che dal punto di vista tecnico e nozionistico. Tutti i docenti invitati, compresi lei ed Enrico, si sono mostrati pienamente disponibili a qualunque nostra esigenza, e fin da subito si è venuto a creare un clima disteso e cordiale, cementando l’affiatamento anche tra noi ragazzi. Naturalmente sono stati innumerevoli i consigli e gli spunti di riflessione che sono stati offerti da professionisti del settore, un’opportunità che non capita tutti i giorni, e di cui sicuramente ho fatto tesoro. Ciò mi ha permesso di esaminare ed approfondire tutti gli aspetti del ruolo di giornalista sportivo, in maniera completa e consapevole. Anche il servizio per quanto riguarda i pasti mi ha pienamente soddisfatto. E’ stato un percorso che mi ha arricchito tantissimo, e mi ha permesso anche di conoscere gente interessante e con la quale confrontarsi in maniera stimolante. Sento di poter consigliare anche ad altri questo tipo di avventura e la ringrazio ancora per i tre giorni trascorsi insieme“.

Nicola L.

Il corso di OA Sport per telecronisti e cronisti sportivi è il modo perfetto entrare direttamente a contatto con il mondo del giornalismo sportivo. Il corso è curato da professionisti preparati e dà la possibilità di conoscere alcuni dei migliori cronisti (del web come della televisione e della radio) del panorama italiano, pronti ad istruire ed a consigliare le nuove leve del mondo giornalistico nostrano. Inoltre, consente di venire a contatto con tanti ragazzi e colleghi provenienti da ogni parte d’Italia, favorendo la creazione di contatti non solo verticalmente, ma anche orizzontalmente. Consigliatissimo! La ringrazio ancora per la disponibilità dimostrata al corso e le
faccio ancora i complimenti per quanto realizzato“.

Edoardo F.

Ho partecipato ai due giorni finali dedicati alle attività di giornalismo televisivo e, in particolare, di telecronaca. La mia impressione è stata molto positiva: le lezioni si sono rivelate molto proficue e gli approfondimenti seminariali ben mirati ed utili anche a chi, come me, ha già maturato un po’ di esperienza nel settore. Ho apprezzato molto le due ore che ci ha dedicato Marco Franzelli sulle tecniche alla base di questo lavoro e molto interessante è stata la prima lezione della mattina di venerdì a cura di Roberto Montefusco, incentrata su prove di fonetica e dizione. Centrale è stato comunque per me il momento della realizzazione di uno spezzone di telecronaca il sabato mattina, che ha costituito un momento anche di riflessione su come migliorarmi e perfezionarmi in tal senso“.

Simone C.

Il corso per cronisti e telecronisti Sportivi di OA Sport, che ha avuto luogo in questa edizione nella splendida cornice di Macerata, si è rivelato una piacevole e gradita scoperta. Alle fondamentali lezioni teoriche sono sempre seguite prove pratiche che potessero permettere agli studenti di mettere a frutto le proprie competenze. Sono stati toccati i più importanti temi per coloro che volessero intraprendere la professione, ma anche svelate curiosità ed aneddoti tipici del mestiere. Inoltre non sono mancati illustri ospiti provenienti dal mondo del giornalismo e telecronismo italiano, i quali si sono messi a completa disposizione degli studenti e dall’alto del loro curriculum hanno fornito utili suggerimenti su come intraprendere questa entusiasmante, ma difficile, carriera. Un ringraziamento speciale a Federico Militello e OA Sport per aver reso possibile un’esperienza che consiglio a tutti gli amanti del mondo dello sport“.

Davide S.

Ritengo il corso molto utile: a mio parere ci ha fatto capire alla perfezione, sia attraverso i laboratori, sia attraverso le tante storie diverse che i vari ospiti ci hanno raccontato, quanto il lavoro di cronisti e telecronisti sia difficile. Almeno per quanto mi riguarda, visto che non avevo mai fatto nessuna esperienza nel campo del giornalismo, mi ha dato molti spunti su cui riflettere, per capire se questa è veramente la strada su cui voglio indirizzare la mia vita e su come poter iniziare a percorrere questo cammino. Nonostante il programma fosse molto fitto ed intenso, non l’ho percepito come troppo pesante, proprio per la grande varietà di personaggi ed esempi di professionalità che sono stati sottoposti alla nostra attenzione. Nel complesso giudico l’esperienza, quindi, ampiamente positiva, anche per quanto riguarda la logistica, l’organizzazione, ed i pasti: non ci avete fatto mancare nulla e siete stati sempre molto disponibili. Vi ringrazio e spero che questa esperienza posso tornarmi utile in futuro“.

Francesco M.

Il corso per cronisti e telecronisti sportivi organizzato da OA Sport è stato molto utile per misurarmi con una realtà professionale di cui mi piacerebbe entrare a far parte. Gli incontri con i vari ospiti hanno messo in evidenza quanta preparazione ci sia dietro qualsiasi attività di cronaca, che essa si svolga in redazione, in cabina di telecronaca o a bordo campo. Ho capito quali sono i dettagli su cui devo focalizzare la mia attenzione ed esercitarmi, se voglio provare seriamente a diventare un giornalista sportivo. La pratica quotidiana è la maniera migliore per imparare e anche i laboratori sono stati utili in tal senso, sebbene sarebbe stato bello avere un paio di minuti in più a disposizione per provare la telecronaca. L’unico appunto che posso fare forse è questo, ma torno a casa contento per una tre giorni intensissima di lezioni in cui ho cercato di “rubare” quante più indicazioni possibili per crescere e migliorare. Concludo ringraziando nuovamente Federico ed Enrico, che hanno organizzato e gestito il corso in maniera pressoché impeccabile, mettendosi sempre a disposizione di noi ragazzi“.

Filippo S.

E’ stata una delle esperienze più interessanti e stimolanti che io abbia mai affrontato. Dagli incontri che abbiamo fatto con professionisti del settore alle simulazioni di ciò che potrebbe capitare a chi vuole intraprendere questa carriera, passando per tutte le persone che ho conosciuto e brevemente, ma intensamente, frequentato in questi tre giorni. Persone diverse, da ogni parte d’Italia, con esperienze diverse, ma accomunate da un unico sogno“.

Gaetano B.

Il corso mi è piaciuto particolarmente, adoro viaggiare e conoscere nuovi posti e persone, Macerata mi ha fornito queste occasioni oltre a quella grandissima di interfacciarmi con giornalisti affermati dai quali, anche a livello umano, ho cercato di assorbire qualcosa. Mi spiace aver avuto solo tre minuti di partita (calcio) su cui fare la telecronaca, tra l’altro privi di emozioni e grosse occasioni, però credo comunque di essermela giocata bene ed attendo l’esito della prova”.

Massimiliano M.

Ho davvero apprezzato molto il corso, sia per gli argomenti trattati sia per la possibilità di approfondirli con professionisti di settori molto diversi del giornalismo. Il telecronista, l’editorialista, l’inviato ed il conduttore televisivo o radiofonico sono tutti aspetti diversi ma in qualche modo sempre collegati che mi hanno dato un’idea molto più vasta di quello che può essere la professione del giornalista sportivo. La possibilità di interagire in prima persona è una cosa che non accade frequentemente, ed anche dall’altra parte ho trovato molta disponibilità ed affabilità nel trasmettere i segreti del mestiere. I laboratori, seppur inevitabilmente concentrati in una sola prova per argomento, sono stati un ottimo modo di mettersi alla prova e prendere confidenza con la penna ed il microfono. Infine, frequentando persone appassionate come me di sport, è stato estremamente facile fare amicizia e creare una piccola rete di giovani colleghi con cui scambiarsi pareri o notizie, manterrò i contatti con molti di loro. E’ un’esperienza che ripeterei senza alcun dubbio“.

Simone S.

Ritengo che il corso sia stato ben strutturato e che abbia fornito accorgimenti utili per migliorarsi. Senza dubbio è stata un’esperienza formativa a cui ho preso parte con grande piacere. Colgo l’occasione per ringraziarla dell’opportunità che ci ha fornito“.

Cristiano R.

Devo dire con estrema sincerità che i tre giorni sono stati magnifici in quanto l’organizzazione è stata impeccabile e sempre disponibile a qualsiasi eventualità. Ci tenevo a fare i complimenti per gli ospiti presenti, personalità del calibro di Max Ambesi ed Antonio Raimondi sono una rarità nel nostro settore. Il bilancio alla fine del corso è senza ombra di dubbio positivo“.

Emanuele D.

Il corso è stato molto positivo, mi sono confrontato con una realtà che non conoscevo benissimo e l’ho trovata molto interessante e stimolante. I docenti erano tutti molto preparati, ovviamente, ed ognuno ha portato un punto di vista diverso, cosa che ha reso il corso mai noioso per tutta la sua durata. Per quanto riguarda l’organizzazione, niente da dire, tutto fatto e strutturato molto bene. Grazie di tutto“.

Alessio B.

Rispetto ai miei colleghi corsisti avevo sicuramente qualche anno in meno, ma mi sono posto nei confronti di questa esperienza con massima predisposizione all’ascolto ed entusiasmo. Sebbene non avessi, vista l’età, aspettative in senso pratico, il corso è stato senza ombra di dubbio orientante e chiarificatore, un’opportunità che mi ha offerto la possibilità di esplorare l’affascinante mondo del giornalismo sportivo, in tutte le sue declinazioni. A prescindere dal futuro lavorativo che ci si può preporre, è un’esperienza che consiglierei vivamente a qualsiasi appassionato di sport a 360º, non necessariamente dotato di vocazione giornalistica. I temi trattati sono stati tanti, ma, oltre alle nozioni più tecniche, gli interventi traboccavano di aneddoti, esperienze personali, “trucchi del mestiere” ed occasioni di dibattito molto rilassate ed informali. La cornice maceratese dell’Overtime Festival, rinomata rassegna del racconto e dell’etica sportiva, è il coronamento di questi tre giorni intensi ma gratificanti. L’impegno richiesto non è da sottovalutare, soprattutto se c’è la volontà di lasciarsi sfuggire meno dettagli possibile, ma, se si ha passione, è un’occasione da non perdere. L’atmosfera e le amicizie che si sono venute a formare sono state fantastiche“.

Riccardo E.

I tre giorni sono stati per me intensi, ricchi di spunti e riflessioni, grazie ad un padrone di casa affabile, cordiale ed amichevole, non capita spesso, e così anche tutto quanto lo staff. In quanto agli ospiti, tutti eccezionali, ognuno di loro mi ha dato qualcosa di importante a livello personale oltre che professionale, il tutto in una cornice stupenda dove ho potuto fare delle belle amicizie. Sto provando a cercare qualche realtà minore per poter fare esperienza e chissà che un giorno non potremo incontrarci, in zona mista in qualche stadio o palazzetto“.

Giovanni C.

Il corso per cronisti e telecronisti sportivi organizzato da OA Sport è stato un vero sogno! Ho apprezzato la serietà con cui lo stesso è stato portato avanti, ma anche la leggerezza con cui le lezioni ed i confronti con gli ospiti sono stati condotti. Rispetto degli orari, laboratori condotti con la massima attenzione, cordialità da parte di tutti. È stato stupendo poter “vivere di sport” per tre giorni, ascoltare consigli, lezioni ed esperienze da personaggi che mai avrei pensato di incontrare. E’ stato stimolante confrontarmi con la stesura di un articolo e di una diretta live, nonché con una telecronaca da preparare in tutti i suoi dettagli. Davvero bellissimo, anche per la scelta degli ospiti. Consiglio a tutti di vivere un’esperienza del genere, probabilmente ci ritornerò in futuro“.

Luca C.

[embedit snippet=”adsense-articolo”]

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Loading...

Lascia un commento

scroll to top