Rugby, Mondiali 2019: Sudafrica-Canada 66-7, sfida senza storia a Kobe

Altro che i 60 minuti senza mischia con l’Italia, la vera sfida no contest va in scena a Kobe, dove la differenza tra Springboks e Canada è imbarazzante. 18 minuti è il tempo che serve al Sudafrica per portare a casa il punto di bonus, poi è solo una questione di pallottoliere.

Bastano due minuti e pochi secondi al Sudafrica per aprire le marcature a Kobe, con Snyman che dà il via con un netto break, poi Elton Jantjies libera Damian de Allende e meta per il 7-0. Insistono gli Springboks, poco possono i canadesi e al 6′ è S’busiso Nkosi a volare al largo e subito seconda meta per i sudafricani. Senza storia la partita, troppa la differenza e al 10′ arriva immediatamente la terza meta, questa volta firmata Cobus Reinach e Sudafrica che vola sul 19-0 dopo dodici minuti di gioco. E al 18′ arriva già il bonus in una partita al limite dell’imbarazzante. E’ nuovamente Reinach ad andare oltre e dopo neanche un quarto di partita siamo già 26-0.

E al 21′ il mediano di mischia si regala una tripletta in soli 11 minuti e dà la quinta meta al Sudafrica. Il pallottoliere può venir mosso nuovamente al 28′, quando è Warrick Gelant ad andare oltre in una partita che ha già smesso di avere qualcosa da dire e 40-0 sul tabellone. Al 33′ finalmente si vede il Canada palla in mano, prima occasione dopo oltre mezz’ora e DTH van der Merwe va vicino alla meta, ma si salva il Sudafrica. Subito dopo Josh Larsen entra di spalla in ruck contro il collo di un avversario e arriva il cartellino rosso e Canada che resta pure in 14. E a tempo scaduto punizione per il Canada sui propri 5 metri, battono veloce i nordamericani, Frans Steyn intercetta, ringrazia e si va al riposo sul 47-0.

Canada che cerca una reazione d’orgoglio a inizio ripresa, Sudafrica un po’ indisciplinato e al 46′ arriva la meta canadese con Matt Heaton. Gli Springboks sono tornati in campo meno concentrati dopo aver chiuso velocemente il discorso nel primo tempo, commettono qualche errore di troppo, e così servono ben 15 minuti prima che Shalk Brits vada oltre per il 54-7. E al 66′ è Damian Willemse ad andare oltre, regalarsi la meta personale e far superare quota 60 punti ai suoi. E al 73′ arriva anche la meta di Frans Malherbe per il 66-7. Sudafrica che ha decisamente alzato il piede dall’acceleratore in questa ripresa, senza infierire su un Canada in inferiorità numerica.

 

[embedit snippet=”adsense-articolo”]

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Credit: Rugby World Cup

Leggi tutte le notizie di oggi su OA Sport

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.


Lascia un commento

Charles Leclerc F1, GP Giappone 2019: “Un circuito impegnativo e un test probante per la Ferrari”

Rugby, Mondiali 2019: calendario mercoledì 9 ottobre. Programma, orari e tv