Pattinaggio artistico, Memorial Nepala 2019: Matteo Rizzo in rimonta si piazza al secondo posto, ottima quarta posizione per Lara Naki Gutmann

Si spengono le luci alla Ondrej Nepala Ice Rink di Bratislava (Slovacchia), impianto sportivo che ha ospitato questo fine settimana Il Memorial Nepala 2019, Trofeo internazionale di pattinaggio artistico giunto alla sua ventisettesima edizione inserito nel circuito ISU Challenger Series 2019-2020.

Nel singolo maschile, In una gara contrassegnata da diversi errori da parte di tutti i pattinatori, il nostro Matteo Rizzo ha conquistato in rimonta la seconda posizione finale. Il gioiellino delle Fiamme Azzurre, autore del miglior libero, malgrado un quadruplo rittberger non completo di rotazione e un toeloop eseguito solo doppio anziché il quadruplo, si è distinto eseguendo elementi come la combinazione triplo axel/doppio toeloop, il triplo axel singolo e la combinazione triplo flip/euler/triplo salchow. Realizzando inoltre una sequenza di passi chiamata di livello 4 e valutata con un grado di esecuzione molto alto, l’allievo di Franca Bianconi e del padre Valter ha guadagnato nel segmento 156.83 (76.13, 80.70), chiudendo la competizione con il totale di 232.70.

L’enorme margine di vantaggio accumulato nello short program ha concesso a Dmitri Aliev di vincere senza particolari problemi il Trofeo; il russo tuttavia è stato artefice di una prova fallosa, segnata da una caduta nel quadruplo toeloop, salto eseguito subito anche dopo arrivando con le mani sul ghiaccio, errore che ha impedito al pattinatore di poter agganciare la combinazione mandando l’elemento in ripetizione. Raddrizzando leggermente la performance con il triplo flip, con la combinazione triplo lutz/triplo toeloop e con triplo rittberger/euler/triplo salchow l’atleta di San Pietroburgo ha ricevuto una valutazione complessiva di 153.83 (71.96, 82.90) per 255.32 totali. Sul gradino più basso del podio è invece salito con 150.21 (69.71, 81.50) per 229.97 il lettone Dennis Vasiljves, protagonista di un programma condito dal triplo axel, dal triplo lutz e dalla combinazione triplo axel/doppio toeloop.

Nessun problema con i quattro giri di rotazione per Alexandra Trusova, vincitrice per dispersione nell’individuale femminile con un programma impreziosito da ben tre salti quadrupli, nello specifico il lutz e il toeloop eseguito sia singolarmente che in combinazione con il triplo toeloop; realizzando inoltre elementi di peso come la combinazione triplo flip/euler/triplo salchow e non riuscendo a ruotare triplo il rittberger in combinazione con il triplo lutz, la fuoriclasse di Eteri Tutberidze ha raccolto lo spaventoso punteggio di 163.78 (98.34, 65.44) nel segmento, registrando il nuovo record del mondo nel totale con 238.69 punti. Bella rimonta per la nipponica Kaori Sakamoto, seconda classificata grazie a un programma libero positivo caratterizzato dall’esecuzione di salti importanti come triplo flip/triplo toeloop, triplo lutz e doppio axel/triplo toeloop, con cui è riuscita a ottenere 134.45 (67.41, 67.04) posizionandosi davanti alla sudcoreana Hanul Kim, terza con 119.91 (60.11, 60.88) per 182.50.

Nota di merito per la splendida azzurra Lara Naki Gutmann, quarta classificata con il nuovo primato personale di 115.71 (54.99, 60.72) per 178.12 punti totali. La pattinatrice trentina allenata da Gabriele Minchio, nonostante qualche sbavatura, ha fatto significativi passi in avanti rispetto al secondo segmento della gara francese di Courchevel, atterrando un prezioso elemento come il triplo lutz e completando correttamente il triplo toeloop, il triplo salchow e la combinazione doppio axel/doppio toeloop. Molto bene anche Roberta Rodeghiero, decima classificata con 102.57 (50.65, 51.92) per 150.69 grazie a una prova ornata da elementi come il triplo lutz, triplo toeloop/doppio toeloop e triplo salchow/doppio toeloop.

Come da pronostico a trionfare nella specialità della danza sono stati i russi Victoria Sinitsina-Nikita Katsalapov, i quali hanno preso il largo nel segmento più lungo ricevendo una valutazione complessiva di 119.70 (64.80, 54.90) per 198.14 totali con cui hanno allontanato gli iberici Sara Urtado-Kirill Khaliavin, secondi con 111.94 (60.88, 51.06) per 188.97. Buon terzo posto infine per gli statunitensi Lorraine Mcnamara-Quinn Carpenter, i quali hanno guadagnato 109.87 (59.83, 50.04) per 183.47.

CLASSIFICA FINALE INDIVIDUALE MASCHILE

FPl. Name Nation Points SP FS
1 Dmitri ALIEV RUS 255.32 1 2
2 Matteo RIZZO ITA 232.70 4 1
3 Deniss VASILJEVS LAT 229.97 2 3
4 Alexander SAMARIN RUS 218.45 3 5
5 Mitsuki SUMOTO JPN 209.15 5 4
6 Graham NEWBERRY GBR 198.04 6 6
7 Jiri BELOHRADSKY CZE 177.69 7 7
8 June Hyoung LEE KOR 172.24 9 8
9 Sondre ODDVOLL BOE NOR 156.53 10 10
10 Nicky OBREYKOV BUL 155.19 12 9
11 Nikita MANKO KAZ 148.29 8 12
12 Xavier VAUCLIN FRA 143.62 14 11
13 Alexander MASZLJANKO HUN 134.53 11 13
14 Michael NEUMAN SVK 128.37 13 14
15 Kwun Hung LEUNG HKG 123.04 15 15
16 Marco KLEPOCH SVK 107.05 16 16

CLASSIFICA FINALE INDIVIDUALE FEMMINILE

FPl. Name Nation Points SP FS
1 Alexandra TRUSOVA RUS 238.69 1 1
2 Kaori SAKAMOTO JPN 194.42 4 2
3 Hanul KIM KOR 182.50 2 4
4 Lara Naki GUTMANN ITA 178.12 3 5
5 Ekaterina RYABOVA AZE 178.06 6 3
6 Mako YAMASHITA JPN 163.54 7 6
7 Stanislava KONSTANTINOVA RUS 162.25 5 9
8 Ivett TOTH HUN 155.79 8 8
9 Maria SOTSKOVA RUS 155.25 10 7
10 Roberta RODEGHIERO ITA 150.69 11 10
11 Stefanie PESENDORFER AUT 136.01 12 11
12 Karly ROBERTSON GBR 134.60 9 13
13 Aleksandra GOLOVKINA LTU 131.37 15 12
14 Aiza MAMBEKOVA KAZ 125.71 13 16
15 Sophia SCHALLER AUT 124.65 17 14
16 Danielle HARRISON GBR 123.04 16 15
17 Ema DOBOSZOVA SVK 115.43 19 17
18 Nikola RYCHTARIKOVA CZE 114.17 18 18
19 Angelina KUCHVALSKA LAT 109.77 14 19

CLASSIFICA FINALE DANZA SUL GHIACCIO

FPl. Name Nation Points RD FD
1 Victoria SINITSINA / Nikita KATSALAPOV RUS 198.14 1 1
2 Sara HURTADO / Kirill KHALIAVIN ESP 188.97 2 2
3 Lorraine MCNAMARA / Quinn CARPENTER USA 183.47 3 3
4 Betina POPOVA / Sergey MOZGOV RUS 174.12 4 5
5 Yuka ORIHARA / Juho PIRINEN FIN 166.93 5 6
6 Evgeniia LOPAREVA / Geoffrey BRISSAUD FRA 165.68 8 4
7 Sofia EVDOKIMOVA / Egor BAZIN RUS 164.62 6 7
8 Katharina MUELLER / Tim DIECK GER 159.20 7 8
9 Yura MIN / Daniel EATON KOR 156.45 9 9
10 Natacha LAGOUGE / Arnaud CAFFA FRA 138.29 10 10
11 Aurelija IPOLITO / J.T. MICHEL LAT 106.97 12 12
12 Jenna HERTENSTEIN / Damian BINKOWSKI POL 104.41 13 11
WD Mina ZDRAVKOVA / Christopher M. DAVIS BUL

[embedit snippet=”adsense-articolo”]

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Foto: Colombo Pier

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

VIDEO Daniel Grassl terzo nella quinta tappa ISU Junior Grand Prix di Danzica. Riviviamo il programma libero

Hockey ghiaccio, Alps League 2020: Valpusteria e Gherdeina battono Ritten e Asiago, vincono anche Vipiteno e Cortina, perde Fassa